Esame di Stato, gli psicologi: «L'ateneo individuerà la struttura dove esercitarsi prima del diploma»

David Lazzari, presidente dell’ordine nazionale: i tempi del corso non si allungano

Esame di Stato, gli psicologi: «L'ateneo individuerà la struttura dove esercitarsi prima del diploma»
di Lorena Loiacono
3 Minuti di Lettura
Domenica 7 Novembre 2021, 09:13

David Lazzari, presidente del Consiglio nazionale dell'Ordine degli Psicologi, la laurea diventa abilitante anche per gli psicologi. Cosa cambia nella pratica?
«Il tirocinio diventa parte interna del corso di laurea. Fino ad oggi non è stato così per noi, mentre per le altre professioni sanitarie sì».

Quali ad esempio?
«Medicina innanzitutto ma anche le altre lauree sanitarie hanno i tirocini interni al corso di laurea come i farmacisti, i dentisti e i veterinari. Ora, quindi, il quadro è stato completato e tutte le lauree sanitarie hanno il tirocinio interno e sono abilitanti».


Perché solo psicologia ha il tirocinio esterno?
«Psicologia rappresenta una situazione particolare rispetto agli altri corsi di laurea perché è diventata in pieno professione sanitaria solo con la legge 3 del 2018, legge Lorenzin. Ma questo passaggio non ha ancora coinvolto l'università. La normativa dei corsi di laurea, in pratica, non era coerente con legge del 2018, oggi questo è un primo fondamentale passo in questa direzione».


Per lo studente rappresenta un problema?
«Sì, perché dopo la laurea deve cercare una struttura che gli faccia fare il tirocinio e non è sempre semplice. Adesso spetta all'università avviare questa fase, anzi diventa parte integrante del corso, ovviamente l'Ordine collaborerà».


Il corso di laurea si allungherà?
«No, non è previsto. La finalità della legge è far sì che il corso di laurea riesca ad avvicinare la teoria alla pratica, diventare maggiormente professionalizzante. E' il momento per un rapporto più forte tra studi, evoluzione dei bisogni e mercato del lavoro. Per la professione il ruolo dell'università è fondamentale».


L'esame finale sarà anche sul piano professionale?
«Sì, l'esame di Stato ha rappresenta una verifica finale a tutela del cittadino: non viene tolto ma viene trasformato in una prova da fare contestualmente alla discussione della tesi dove saranno presenti anche i rappresentanti dell'ordine professionale».

© RIPRODUZIONE RISERVATA