Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Elisa, fallito il trapianto per la bimba malata di leucemia. L'appello del papà: si cerca un nuovo donatore

Elisa, fallito il trapianto per la bimba malata di leucemia. L'appello del papà: si cerca un nuovo donatore
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 6 Marzo 2019, 09:26 - Ultimo aggiornamento: 10:56

Non è andato a buon fine il trapianto di midollo per la piccola Elisa Pardini, la bimba di 4 anni affetta da leucemia per la quale si erano mobilitate anche star come Fiorello e Anastacia. Il trapianto, compiuto nel gennaio 2018, è fallito.
Il padre della piccola ha lanciato un accorato appello dal proprio profilo Facebook.

«Elisa sta malissimo». Per la bimba affetta da leucemia fu mobilitazione vip, da Fiorello ad Anastacia


In un lungo messaggio il padre sottolinea che la piccola è assistita con grande attenzione e professionalità dai medici dell'ospedale Bambin Gesù di Roma e ricorda la grande disponibilità dei tanti che hanno offerto aiuto e le terribili vicissitudini della bimba e del fallito trapianto effettuato da un donatore compatibile all'85/90 per cento. Nel messaggio il padre di Elisa si rivolge «alle migliaia di persone che ci seguono e che costantemente ci scrivono e ci aiutano ormai da 2 anni» e racconta «sofferenze, speranze, illusioni» fino alla recidiva.

La leucemia si è manifestata «dopo quasi 5 mesi di camera sterile con durissime conseguenze (ha avuto una Gvhd di terzo grado lottando tra la vita e la morte)» e la ripresa, con la piccola che aveva «ricominciato a mangiare camminare e giocare». Poi però, ricorda il padre, le condizioni sono peggiorate ed ora «si dovrà procedere ad un secondo difficile pericoloso invasivo trapianto», lo stesso donatore «salvo non succeda un miracolo e non se ne trovi uno ancora più compatibile».  

© RIPRODUZIONE RISERVATA