Ragazza picchiata e uccisa dal fidanzato. Ultimo post Fb per l'8 marzo: «No alla violenza»

Giovedì 7 Marzo 2019
1
Alessandra Immacolata Musarra

«Lasciati alle spalle ciò che ti ha fatto soffrire. Lasciati alle spalle ciò che ti ha ferito. Lasciati alle spalle ciò che non puoi cambiare. Liberati da quei sentimenti che ti avvelenano. Non permettere a nessuno di spegnere il tuo sorriso. Perché tu meriti il meglio»: Alessandra Musarra, solo ieri, gridava così la sua sua voglia di essere felice, di riprendere in mano la sua vita. Parole affidate a Facebook poche ore prima di essere massacrata di botte dal fidanzato, che suonano oggi come una sorta di testamento spirituale. 
 

LEGGI ANCHE: Donna uccisa a Napoli in corso Mianella
LEGGI ANCHE: Donna uccisa dal marito a Melito: l'uomo confessa

E la violenza, la furia omicida ha colpito anche a Napoli dove un 41enne ha ucciso la moglie durante una lite. Una lite scatenata dalla gelosia Alessandra aveva solo 24 anni e amava la cucina. Viveva con Christian in un piccolo appartamento in una borgata di Messina, Santa Lucia Sopra Contesse, un rione in collina che si affaccia sulla città dello Stretto. I genitori di Alessandra abitano nello stesso edificio, al piano di sotto, ma non hanno sentito né le urla dell'ennesima lite scoppiata tra i due fidanzati, né le grida della ragazza, colpita più volte alla testa, sbattuta a terra fino a morire. A scoprire il delitto è stato il padre della giovane vittima.iframe>

Con la moglie avevano più volte provato a chiamarla e, non avendo avuto risposta, si erano allarmati. Così ha deciso di salire in casa per capire cosa fosse accaduto. Entrato da una finestra rimasta aperta, ha trovato Alessandra sul letto in una pozza di sangue. Era morta probabilmente da qualche ora. Il viso tumefatto, il corpo pieno di lividi. Segni inequivocabili di una violenza bestiale. I sospetti degli inquirenti - le indagini sono state coordinate dal procuratore di Messina Maurizio De Lucia - sono caduti presto sul fidanzato. Le cose nella coppia non andavano più bene. Christian era geloso di un ex ragazzo della vittima e temeva che i due si fossero riavvicinati. Era diventato ossessivo, lei aveva deciso di lasciarlo. Ieri sera l'ultima discussione. 

Christian ha perso la testa e l'ha massacrata di botte. Poi si è allontanato. Interrogato dalla polizia, ha prima negato. Poi è crollato e ha confessato l'omicidio, raccontando agli investigatori di aver agito in preda a un raptus di gelosia. La Procura l'ha fermato in serata. Qualche ora dopo, a Napoli, è andato in scena lo stesso tragico copione. Una donna di 36 anni, Fortuna Belisario, è stata assassinata dal marito Vincenzo Lopresto nell'appartamento alla periferia Nord della città in cui vivevano. L'uomo ha colpito la donna con un corpo contundente, forse un'asta appendiabiti, che è stato sequestrato dalla Polizia. Per lui l'accusa è quella di omicidio volontario aggravato dalla crudeltà.

 

Ultimo aggiornamento: 8 Marzo, 12:35 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Vita spericolata di una mamma quando i figli sono in vacanza

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma