FEMMINICIDIO

Viareggio, donna trovata morta in una roulotte: cadavere avvolto in un telo di plastica, arrestato il compagno

Venerdì 22 Novembre 2019
Cadavere trovato in una roulotte: è di una 40enne senza fissa dimora. Ipotesi femminicidio

Il suo cadavere, in avanzato stato di decomposizione, era stato ritrovato lunedì lunedì scorso chiuso in un telo di plastica all'interno di una roulotte abbandonata in un campo a Torre del Lago, frazione del comune di Viareggio (Lucca). Ora è stata identificata. Si tratta, secondo quanto spiegato dagli investigatori, di Chiara Corrado, 40 anni, originaria di Pisa, che viveva senza una fissa dimora nella provincia di Lucca e che da mesi aveva fatto perdere le sue tracce.

LEGGI ANCHE Uccise l'ex con 48 coltellate: condannato a 30 anni. Lei lo aveva denunciato per stalking

All'identificazione i carabinieri di Viareggio (Lucca) sono arrivati grazie a un tatuaggio sulla spalla sinistra. Intanto spunta l'ipotesi che possa trattarsi di un femminicidio: infatti, da una ricognizione fatta dal medico legale Stefano Pierotti è emerso che la donna aveva una lesione in testa. Al momento, però, il fascicolo affidato al sostituto procuratore Aldo Ingangi della procura di Lucca è stato aperto per l'ipotesi di reato di occultamento di cadavere.

La roulotte, in cui è stata trovata la donna, era stata chiusa dall'esterno con un lucchetto e il corpo avvolto in un telo di plastica. Le finestre della roulotte erano sigillate con nastro adesivo. Questo non ha impedito che il cattivo odore, persistente da parecchio tempo, spingesse il proprietario del terreno ad accertarsi di cosa si celasse all'interno della roulotte abbandonata. La morte della quarantenne risalirebbe a circa tre o quattro mesi fa.

Fermato il compagno in Calabria. Un uomo è stato fermato nell'ambito dell'inchiesta sul ritrovamento del cadavere di Chiara Corrado. Secondo quanto appreso si tratta di un 47enne, rintracciato dai carabinieri a Cosenza: sarebbe in corso il suo interrogatorio. Da quanto appreso l'uomo avrebbe vissuto per un periodo con la donna trovata morta. Sulle cause del decesso dall'esame della salma rilevata una lesione alla testa che avvalorerebbe l'ipotesi di un delitto. Per il pomeriggio i carabinieri hanno convocato una conferenza stampa al comando provinciale di Lucca.

Da una ricognizione fatta dal medico legale Stefano Pierotti è emerso che la donna aveva una lesione in testa, confermando l'ipotesi dell'omicidio. L'assassinio della donna sarebbe avvenuto al culmine di una lite, una delle tante che avrebbero contraddistinto il loro rapporto burrascoso.

Ultimo aggiornamento: 15:50 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma, mille guai e un miracolo: per Natale i turisti in aumento

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma