COPRIFUOCO

Discoteche aperte in Sardegna, la Procura apre un'inchiesta per epidemia colposa dopo il servizio di Report

Martedì 10 Novembre 2020
1
Discoteche aperte in Sardegna, la Procura apre un'inchiesta per epidemia colposa dopo il servizio di Report

Discoteche aperte in Sardegna, la Procura di Cagliari ha aperto un'inchiesta per epidemia colposa a seguito della messa in onda di un servizio di Report, aperture dei locali da ballo che avrebbe favorito la diffusione del Covid prima nell'Isola e poi in varie regioni italiane. I magistrati vogliono capire se la Regione abbia consentito l'apertura dei locali della Costa Smeralda nonostante fosse a conoscenza dei rischi.

 

Vivete in zona rossa o arancione? Ecco tutto quello che si può fare (e i divieti)

Autocertificazione nelle zone rosse, quando è obbligatoria e quando no

 

 

L'autorizzazione

 

La procuratrice Maria Alessandra Pelagatti ha affidato l'indagine all'aggiunto Paolo De Angelis, che guida il gruppo specializzato in colpe mediche composto dai sostituti Guido Pani, Daniele Caria e Diana Lecca. Nell'immediato gli investigatori della Procura si concentreranno sul parere del Comitato tecnico scientifico che risulta allegato alla decisione del governatore Solinas. Nel servizio di Report vari consiglieri regionali di maggioranza e opposizione hanno fatto riferimento a quel documento, ma dichiarando di non averlo mai visto. Lo stesso conduttore Sigfrido Ranucci ha rimarcato la stranezza del fatto che nessuno avesse visto quell'atto, ipotizzando che gli esperti della task force regionale possano non aver autorizzato la riapertura e sollevando il dubbio sull'esistenza stessa del documento. Un dubbio che, a quanto pare, anche la Procura di Cagliari ha deciso di fugare.

 

Covid e lockdown, stretta in cinque regioni. La Campania adesso rischia

L'Italia si tinge sempre più di rosso e di arancione. Con altri 25.271 contagi (su 148mila tamponi) e 356 morti rispetto al giorno prima e soprattutto con ospedali vicini al collasso e l'"epidemia in rapido peggioramento", il ministro della Salute Roberto Speranza ieri sera ha dovuto imporre un nuovo giro di vite.


 

 

 

 

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 14:50 © RIPRODUZIONE RISERVATA