Denise Pipitone, l'avvocato della madre: «Mandate altre lettere anonime, basta silenzi»

Denise Pipitone, l'avvocato della madre: «Mandate altre lettere anonime, basta silenzi»
di Giampiero Valenza
2 Minuti di Lettura

Continua a far discutere il caso di Denise Pipitone, la bimba scomparsa il primo settembre 2004 a Mazara del Vallo, in Provincia di Trapani. E’ l’avvocato della mamma, Giacomo Frazzitta, a parlare a Domenica In della lettera anonima che è stata inviata e che rivelerebbe alcuni contenuti in grado di dare ulteriori tracce per individuare Denise, che oggi avrebbe 21 anni.

 

LE PAROLE DEL LEGALE - «La procura si è rimessa in moto – dice l’avvocato Frazzitta - Noi abbiamo segnalato molte cose alla Procura della Repubblica. Questi elementi di novità non sappiamo quanto possono riuscire a scardinare il muro di omertà. Dal contenuto della lettera anonima posso dire che ci sono diverse persone che a Mazara del Vallo sanno di questo fatto. Questa è una cosa che mi provoca molta rabbia perché vuol dire che ci sono state molte persone in questi diciassette anni che sono state in silenzio».

Frazzitta spiega che «l’anonimo fa una descrizione precisa di una determinata fase, ma ci indica sostanzialmente la presenza di tante altre persone». E poi si rivolge direttamente a chi avrebbe visto ma che non ha dato dettagli agli investigatori. «Come è possibile, dopo 17 anni, avere paura? Paura di chi? C’è la giustizia che deve avere risposte, c’è Piera Maggio che deve averle», spiega.

Leggi: La vita in diretta, l'appello di Piera Maggio dopo la lettera anonima sul caso Denise Pipitone

L'APPELLO - L’avvocato Frazzitta sottolinea a Mara Venier un elemento: quello dell’ora della scomparsa della piccola Denise. «Era mezzogiorno a Mazara del Vallo. Possibile che nessuno abbia visto niente? Si devono vergognare quelli che hanno visto e non hanno parlato per 17 anni», commenta. E si rivolge agli eventuali testimoni: «Toglietevi questo peso, mandate altre lettere anonime, fate quello che volete ma spiegateci di più di questa storia».

Domenica 16 Maggio 2021, 18:58
© RIPRODUZIONE RISERVATA