DPCM

Dal decreto Ristori al rinvio delle elezioni: tutti i provvedimenti Covid

Mercoledì 11 Novembre 2020 di Rosario Dimito
Dal decreto Ristori al rinvio delle elezioni: tutti i provvedimenti Covid

Dopo le chiusure di alcune Regioni divenute zona rossa, il Governo ha varato il Dl Ristori bis, con l’obiettivo di venire incontro alle categorie più danneggiate e nel quale si prevede un allargamento della platea dei destinatari degli aiuti economici. La promessa è che verranno utilizzate tutte le risorse necessarie per fronteggiare l’arresto della ripresa dovuto all’inasprimento della pandemia, la speranza è quella di evitare un lockdown generalizzato e riprendere al più presto tutte le attività. La situazione resta però ancora molto incerta, con Abruzzo, Basilicata, Liguria, Toscana e Umbria che entrano in zona arancione e la provincia autonoma di Bolzano che diventa zona rossa. Oltre a ciò, altre regioni, tra cui Friuli ed Emilia – Romagna rischiano di cambiare colore per via dell’innalzamento dell’indice Rt. In attesa di nuove indicazioni, le Regioni continuano tramite ordinanze a cercare di tenere sotto controllo l’emergenza.

Il decreto Ristori rientra nell'aggiornamento fatto dal Centro studi parlamentari Nomos della raccolta dei provvedimenti Covid di governo e Regioni. L'ultimo atto prevede un ampliamento delle categorie di attività beneficiarie (allegati 1 e 2) del contributo a fondo perduto previsto dal decreto-legge 28 ottobre 2020, n. 137. Per alcuni operatori già beneficiari del contributo che registrano ulteriori restrizioni delle loro attività alla luce delle nuove misure restrittive nelle zone arancioni e rosse, il contributo è aumentato di un ulteriore 50 per cento.

CLICCA QUI per scaricare il documento

È previsto un nuovo contributo a fondo perduto per specifiche imprese che operano nelle Regioni caratterizzate da uno scenario di elevata o massima gravità. Il contributo sarà erogato seguendo la stessa procedura già utilizzata dall’Agenzia delle entrate in relazione ai contributi previsti dal decreto “Rilancio” (decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34) e per quelli introdotti con il precedente decreto “Ristori”.

L’importo del beneficio varierà in funzione del settore di attività dell’esercizio. Poi c'è la costituzione di un fondo per ristorare con un contributo a fondo perduto le perdite subite dalle attività economiche che hanno sede nei centri commerciali e per le industrie alimentari. Credito d’imposta sugli affitti commerciali (art. 4) – Riconosce un nuovo contributo a fondo perduto alle imprese che svolgono le attività che operano nelle aree caratterizzate da uno scenario di massima gravità e da un livello di rischio alto individuate ai sensi dell’ultimo DPCM viene esteso quanto previsto dal primo decreto Ristori, prevedendo un credito d’imposta cedibile al proprietario dell’immobile locato pari al 60% dell’affitto per ciascuno dei mesi di ottobre, novembre e dicembre.

Sospensione dei versamenti (art. 7) - Per i soggetti che esercitano attività economiche sospese prevede la sospensione delle ritenute alla fonte e dei pagamenti IVA per il mese di novembre Cancellazione della seconda rata dell’IMU (art. 5) - Prevede la cancellazione della seconda rata dell’IMU per le imprese che svolgono le attività che danno titolo al riconoscimento del nuovo contributo a fondo perduto e operano nelle Regioni caratterizzate da uno scenario di massima gravità e da un livello di rischio alto individuate ai sensi dall’ultimo DPCM, a condizione che i relativi proprietari siano anche gestori delle attività. 

Qui tutte le informazioni

Ultimo aggiornamento: 15:26 © RIPRODUZIONE RISERVATA