Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Davide Migani, il Brasile chiede l'estradizione per lo skipper italiano: naufragò e nello yacht aveva 307 chili di cocaina

Foto archivio
2 Minuti di Lettura
Domenica 13 Febbraio 2022, 09:12 - Ultimo aggiornamento: 14 Febbraio, 09:48

Il Brasile ha chiesto l'estradizione del 52enne skipper cervese Davide Migani naufragato il 24 dicembre del 2011 sulle coste di Aracaju - stato del Sergipe - con uno yacht con dentro 307 chili di cocaina pura al 90% per un valore stimato sul mercato europeo fino a 20 milioni di euro. L'uomo, come riportato da 'il Resto del Carlino', è stato raggiunto dalla convocazione in tal senso per l'identificazione formale dalla Procura di Ravenna a sua volta attivata dalla Procura generale di Bologna.

Non è escluso che il Brasile abbia attivato medesima procedura pure per l'allora fidanzata dell'uomo, la parrucchiera 47enne Giorgia Pierguidi originaria di Alzano Lombardo, nel Bergamasco ma residente a Forlì che quel giorno si trovava sullo stesso yacht. I due dopo l'arresto e un periodo di custodia cautelare erano stati assolti e scarcerati con una sentenza che aveva creato molte polemiche in Brasile.

Quando ormai si trovavano in Romagna, per loro erano arrivate le condanne attestatesi, in seguito a ricorso, a 17 anni e sei mesi per lui e quasi 10 anni e 11 mesi per lei. Migani ha sempre sostenuto che la droga l'aveva caricata, sia a sua insaputa che a insaputa della donna, un altro uomo salito a bordo e che lui, subito dopo essersene accorto, aveva scelto volontariamente di naufragare per avvertire così la polizia marittima brasiliana.

© RIPRODUZIONE RISERVATA