Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Daniele Bedini, il killer di Sarzana evade (per la seconda volta) dal carcere: fuga da film, lo ritrovano alla stazione di Cuneo

Indagato per l'omicidio di due prostitute. La sua fuga è durata in tutto mezz'ora. Ha scalato la grondaia ed è fuggito

Daniele Bedini, il killer di Sarzana evade (per la seconda volta) dal carcere: fuga da film, lo ritrovano alla stazione di Cuneo
3 Minuti di Lettura
Giovedì 11 Agosto 2022, 06:41 - Ultimo aggiornamento: 06:43

Due tentativi di evasione in meno di un mese. Daniele Bedini, il 32enne accusato del duplice omicidio di Sarzana, è scappato martedì dal carcere di Cuneo in cui era detenuto. È stato rintracciato alla stazione ferroviaria dai carabinieri, mentre cercava di prendere il treno per Torino. La sua fuga è durata in tutto mezz'ora. Il falegname originario di Carrara è in carcere con l'accusa di aver commesso due omicidi, a Sarzana, in Liguria. Non è la prima volta che cerca di fuggire. Aveva già tentato di evadere dal carcere di La Spezia e per questo era stato trasferito a Cuneo al Cerialdo, carcere di massima sicurezza con il reparto 41 bis più grande d'Italia.
Bedini era stato arrestato all'inizio di giugno per l'omicidio della prostituta albanese Nevila Pjetri e indagato per quello della trans Camilla, entrambi avvenuti a Marinella di Sarzana. Pjetri era stata uccisa con due colpi di pistola calibro 22 dopo essere stata brutalmente aggredita. Il secondo cadavere, quello di Camilla, era stato trovato senza vita due giorni dopo a pochi chilometri di distanza, anche lei ferita a morte da un'arma da fuoco. Bedini è evaso martedì, verso le 13.30 mentre i detenuti erano nel cortile di passeggio. Una fuga quasi da film. Il detenuto si è arrampicato sul muro ed è andato sul tetto della palestra, ha usato le ventole dei condizionatori come fossero una scala, poi si è infilato nel camminamento del muro di cinta e si è calato dai bracci d'acciaio del muro fino nello spazio tra i due muri di cinta. L'allarme della polizia penitenziaria è stato immediato e ha fatto scattare subito controlli e posti di blocco in tutta la zona. Bedini è stato individuato alle 14 in stazione: era sul treno per Fossano. Lo hanno riconosciuto tre carabinieri del nucleo operativo della compagnia di Cuneo. L'uomo ha tentato di fornire false generalità, ma il suo piano non ha funzionato. Per fermare l'evaso erano stati bloccati tutti i treni in partenza dalla stazione.

Omicidi Sarzana, la trans Camilla uccisa con 2 proiettili alla testa: saranno comparati con quelli dell'altra vittima


LA POLEMICA
Il tentativo di fuga riaccende le polemiche sulla sicurezza della casa circondariale di Cuneo, un problema più volte sollevato dai sindacati di polizia penitenziaria che il 28 luglio hanno incontrato il prefetto di Cuneo per denunciare le criticità dell'istituto penitenziario in tema di sicurezza interna e gestione del carcere. «L'attenta vigilanza della polizia penitenziaria ha scongiurato sul nascere l'evasione commenta Donato Capece, segretario generale del Sappe , ma la situazione resta critica. Nei 200 penitenziari del Paese l'affollamento nelle celle resta significativamente alto rispetto ai posti letto reali, quelli davvero disponibili. E anche l'organico di polizia penitenziaria è sotto di 7mila unità». Dopo l'arresto, Bedini è stato riportato in carcere dove ora si trova in regime di massima sorveglianza, guardato a vista. Non è ancora chiaro dove volesse andare il 32enne, forse scappare in Francia, o tornare a casa. Intanto il processo relativo alla tentata fuga è stato rinviato al 19 agosto per l'assenza dei suoi avvocati di fiducia.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA