Dado aggredito: «Io e mia figlia scortati dalla polizia. Bullo libero, ha detto di essere amico dei Casamonica»

Lunedì 15 Aprile 2019
3
Dado aggredito: «Io e mia figlia scortati dalla polizia. Bullo libero, ha detto di essere amico dei Casamonica»

Dopo 16 ore al pronto soccorso, il comico Dado, aggredito brutalmente dall'ex fidanzato della figlia 14enne, è stato dimesso con una prognosi di 30 giorni. «Ho il setto nasale fratturato- ha raccontato all'Adnkronos - questa mattina, dopo quello che è successo, ho chiesto alla polizia di Stato di scortare me e mia figlia a scuola e la mia richiesta, per oggi, è stata esaudita. Nonostante l'aggressione, alla quale hanno assistito diversi testimoni, i verbali della polizia e il referto medico, nei confronti di questo ragazzo non è stato ancora preso alcun provvedimento. Il bullismo quindi rimane impunito».

Dado, al secolo ​Gabriele Pellegrini, ha raccontanto anche che l'ex di sua figlia era «accompagnato da un losco figuro sul quale ci sono accertamenti in corso». «Tra l'altro il bullo si vanta di essere amico dei Casamonica e di aver girato con loro un video anche se non so di cosa si tratti. La preside dell'istituto scolastico mi ha detto che al massimo può convocare un consiglio. Sto ancora decidendo cosa fare e come muovermi, mi auguro che lo Stato intervenga al più presto». In passato Dado ricevette minacce per un video-parodia sul funerale dei Casamonica, celebrato nel quartiere Tuscolano di Roma, tra carrozze, elicotteri e la musica del Padrino (il video).

«Sono 7 mesi che va avanti questa storia - ha proseguito Dado - ho sporto diverse denunce contro questa persona che da mesi perseguita mia figlia, minacciandola e diffamandola sul web. Oltretutto il ragazzo frequenta lo stesso istituto di mia figlia e quindi si incontrano ogni giorno. Quello che è accaduto poteva essere evitato perché c'erano state diverse avvisaglie».

Quanto alla dinamica dell'aggressione, avvenuta venerdì scorso, «poco prima di venire sotto casa mia il ragazzo - ha spiegato Dado - aveva inviato a mia figlia un sms dove le diceva che sarebbe passato a restituirle i regali e lei aveva risposto che poteva pure bruciarli. Lui è venuto lo stesso e, quando sono sceso, prima mi ha minacciato e poi ha tentato di investirmi con la minicar. Infine mi ha dato un pugno dal finestrino in pieno viso ed è andato via».

L'attore ha tenuto a precisare che prima di andare dall'avvocato e di rivolgersi alle forze dell'ordine aveva tentato di risolvere «il problema» in maniera «pacifica»: «Ho parlato con la famiglia del ragazzo, con la scuola ma ad un certo punto il rapporto con il padre si è interrotto bruscamente perché ha iniziato a negare l'evidenza. Arrivati a questo punto sto cercando disperatamente di sapere cosa succederà e che tipo di provvedimenti intendono prendere nei confronti di questo bullo. Bisogna pretendere che lo Stato sia presente e sia accanto alle vittime di violenza. Mia figlia è molto spaventata delle conseguenze che ci potrebbero essere dopo quello che è successo, anche perché il linguaggio usato da questo ragazzo è lo stesso di 'Gomorra' e 'Suburra'».

Ultimo aggiornamento: 14:58 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

L’incubo di vivere per 34 ore sulla barella al pronto soccorso

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma