ASTRAZENECA

Vaccino a 32.143 italiani (18.000 le donne): più dosi in Lombardia, ma Lazio e Friuli virtuosi

Venerdì 1 Gennaio 2021 di Beatrice Picchi
2
Vaccino a 32.143 italiani (18.000 le donne): più dosi in Lombardia, ma Lazio e Friuli virtuosi

E' arrivato a 32.143 il totale delle vaccinazioni anti-Covid in Italia. Le donne superano gli uomini: sono già 18.494 quelle che si sono fatte somministrare il vaccino, mentre gli uomini sono fino ad oggi 13.649. Secondo i dati aggiornati a poco dopo le 13 di Capodanno, del report pubblicato sul sito del Governo, nella sezione del Commissario all'emergenza, dei totali vaccinati la maggior parte sono operatori sanitari: 28.221 tra medici, infermieri, mentre 2.085 sono personale non sanitario e altri 1.837 sono glli ospiti delle strutture residenziali.

Papa Francesco: «Oltre al vaccino per il corpo, serve quello per il cuore: è la cura»

La mappa delle vaccinazioni ----> Scarica il pdf

Botti di Capodanno, a Roma è strage di uccelli alla stazione Termini

Dal 30 dicembre al primo gennaio sono state consegnate 469.950 dosi di vaccino. Di queste il maggior numero sono arrivate in Lombardia (80.595) dove ne sono state somministrate però appena il 2,7 per cento, seguono il Lazio (45.805) con una percentuale ben più alta del 13,4 di dosi fatte. Fino ad oggi il maggior numero di vaccini somministrati sono in Friuli Venezia Giulia (16,3%) e la provincia autonoma di Bolzano (16,2%). In Sicilia sono state consegnate 46.510 dosi ma le punture fatte si fermano all'1,8%, come in Campania: sulle 33.870 dosi ne sono state somministrate il 6,5%.

Covid, farmaco anticancro inibisce il virus: «Pralatrexato più efficace del Remdesivir»

La fascia d'età più vaccinata è quella tra i 50 e i 59 anni, con una netta prevalenza di operatori sanitari e sociosanitari (9.281),  segue la fascia tra i 40 e i 49 anni (7.428). Gli ultranovantenni sono 540, i ragazzi tra i sedici e diciannove anni sono 58. 

 

 

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 15:11 © RIPRODUZIONE RISERVATA