Covid, variante Kraken in forte crescita. I medici: «Fare la quarta dose, troppo un anno dall'ultimo richiamo»

Via libera anche al vaccino Pfizer contro le varianti Omicron Ba.4 e Ba.5 per i bambini tra 5 e 11 anni

Covid, variante Kraken in forte crescita. I medici: «Fare la quarta dose, troppo un anno dall'ultimo richiamo»
di Gianluca Cordella
3 Minuti di Lettura
Sabato 14 Gennaio 2023, 17:38 - Ultimo aggiornamento: 15 Gennaio, 19:12

Il mondo si spacca ancora una volta sul Covid. Nel giorno in cui la Cina fornisce il primo, disastroso, bilancio delle vittime dalle fine del restrizioni per il virus (quasi 60 mila decessi nel giro di un mese), la piccola Austria annuncia la fine dell'emergenza e l'abolizione di ogni misura restritttiva entro la fine del'anno. Insomma, c'è chi riabbraccia la normalità e chi purtroppo torna a contare le vittime. Entrambi gli schieramenti, però, con una spada di Damocle pendente sulla testa. Si tratta del proliferare delle sotto-varianti che potrebbe mischiare ancora una volta le carte. Se fino a pochi giorni fa era la Cerberus a spaventare il mondo – variante altamente contagiosa ma per fortuna più innocua – ora si allunga lo spettro della Xbb.1.5, meglio nota come sotto-variante Kraken, attualmente responsabile in alcune aree degli Stati Uniti dell'80% dei contagi. E comunque prossima a superare Cerberus a livello nazionale.

Un fenomeno che spaventa anche l'Italia, dove i dati ufficiali sul suo sviluppo sono attesi nei prossimi giorni. Una crescita anche nel nostro Paese è abbastanza semplice da prevedere e così ecco che i virologi tornano a sottolineare l'importanza della campagna vaccinale, a prescindere. L'Istituto superiore della Sanità, nel suo report periodico, ha portato dati importanti a sostegno di questo “invito”, evidenziando come nella popolazione di età compresa tra i 60 e i 79 anni il tasso di mortalità dei non vaccinati risulti tre volte più alto rispetto a quello dei vaccinati con il booster e quattro volte più alto rispetto ai vaccinati con la quarta dose da meno di 120 giorni. Negli over 80, addirittura, la mortalità risulta quasi sei volte più alta rispetto ai vaccinati con dose addizionale/booster, e rispettivamente dieci volte e quasi cinque volte e mezzo più alto rispetto ai vaccinati con seconda dose booster da meno di 120 giorni e da oltre 120 giorni. «Qualsiasi sia la variante che al momento sta dominando dobbiamo tutti elevare il livello di protezione con la quarta dose», taglia corto parlando con l'AdnKronos Mauro Pistello, vicepresidente della Società italiana di microbiologia e tra i fondatori della rete di sequenziamento dell'Iss. «Gran parte della popolazione ha fatto l'ultima dose anti-Covid molti mesi fa e far passare un anno tra un richiamo e l'altro è troppo alla luce dell'alta contagiosità di queste nuove varianti Omicron», ricorda Pistello.

 

Kraken, i nuovi sintomi della variante del Covid: dalla tosse secca ai dolori muscolari

Vaccino anche per i bambini

In quel “tutti” rientrano anche i bambini. Il ministero della Salute ha pubblicato la circolare che recepisce il parere del Comitato tecnico-scientifico dell'Agenzia del farmaco con il via libera al vaccino Cominarty di Pfizer contro le varianti Omicron Ba.4 e Ba.5 come richiamo per i bambini tra 5 e 11 anni. Un mossa che intanto punta a tutelare i soggetti più fragili ma che su richiesta dei genitori potrà essere somministrato anche a tutti gli altri bambini rientranti nella fascia d'età in questione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA