Covid, contagi su del 35% in 2 giorni: l'età media scende a 44 anni

Covid, contagi su del 35% in 2 giorni: l'età media scende a 44 anni
di Mauro Evangelisti
4 Minuti di Lettura
Sabato 27 Febbraio 2021, 06:24 - Ultimo aggiornamento: 06:25

Nessuno tra virologi ed epidemiologi è rimasto sorpreso dall'impennata di casi di questa settimana. Come in un albo di Tex, se si guardava l'orizzonte una decina di giorni fa già si poteva vedere la polvere sollevata dai cavalli al galoppo del nemico in arrivo. Il professor Massimo Galli, primario di Malattie infettive del Sacco di Milano, scuote la testa: «A volte indicare una verità evidente è inutile, qui mentre i contagi salivano si parlava di riaprire i ristoranti la sera, veda lei. A volte si preferisce ascoltare le lobby o chi ti racconta solo storie rassicuranti». Nell'ultimo fine settimana (dal 19 al 21 febbraio), il confronto con quello precedente mostrava un incremento attorno al 15 per cento. I dati di giovedì 25 e venerdì 26 febbraio vanno perfino oltre. Come sempre, per fare un raffronto attendibile è utile riferirsi agli stessi giorni della settimana. Bene, giovedì 25 in Italia ci sono stati 19.886 nuovi casi positivi, venerdì 26 (ieri) 20.499. Come era andata il giovedì e il venerdì di una settimana prima? Giovedì 18 febbraio 13.762 casi, venerdì 19 15.479. In media, l'incremento è stato del 38 per cento. Con questo andamento tra una settimana ci troveremo attorno ai 27-28mila casi giornalieri.

Covid, I focolai aumentano, metà Italia richiude: «Fermiamo le scuole»

Covid e scuole chiuse, Rezza: «Chiusura dolorosa ma assolutamente da considerare»

E se è vero che il dato dei decessi, per quanto sempre drammatico, è diminuito (ieri 256) ricordiamoci anche che l'effetto sui morti dell'aumento dei contagi arriva sempre in ritardo di diverse settimane. Presto, dunque, pagheremo un conto molto triste. Anche perché, ultimo tassello, altri due dati, che erano sempre scesi di recente, ora tornano a salire: i ricoveri in area medica e quelli in terapia intensiva. Siamo a più 61 in totale rispetto al giorno precedente (20.486) con più pazienti anche in terapia intensiva (2.194, 26 in più). Questi numeri sono il saldo tra chi esce e chi entra, ma solo ieri sono finiti in terapia intensiva altri 188 pazienti. «Negli ospedali - racconta il professor Massimo Galli - per quanto possa essere parziale questa osservazione empirica, si vedono pazienti un po' più giovani. Ma non è cambiato il virus: semplicemente gli anziani ora si proteggono di più, Sars-CoV-2 sta circolando moltissimo e dunque tra sempre più numerosi 50-60enni che si contagiano c'è una percentuale che viene ricoverata».

 


GIOVANI
Quello che è certo, però, è che si sta abbassando l'età mediana dei positivi, arrivata a 44 anni (il dato generale da inizio pandemia è 48). Spiega il professor Gianni Rezza (Ministero della Salute): «Vediamo purtroppo un certo aumento dei focolai scolastici mentre diminuiscono i casi nelle Rsa, evidentemente la vaccinazione delle persone anziane sta dando i primi effetti positivi. Nell'abbassamento dell'età media dei nuovi positivi c'è anche un altro fenomeno: questa estate era successo che molti ragazzi si contagiassero in vacanza o durante la movida; oggi siamo di fronte alla diffusione nelle scuole». Per il professor Galli questa impennata spiega anche altro: «Il sistema dei colori delle Regioni non ha funzionato, è evidente. E non può funzionare se appena c'è un po' di buon tempo, usciamo tutti senza ombrello. Lo dico in modo più esplicito: il meccanismo delle Regioni rosse, gialle e arancioni ha raggiunto come unico risultato uno stallo dei contagi, ma ora che sta arrivando la tempesta, anzi che è già arrivata, non ci potrà salvare». L'ultima volta in cui l'Italia ha superato quota 20 mila casi giornalieri è stato il 6 gennaio di quest'anno, ma erano meno di ieri, 20.311. Solo a Capodanno c'è stato un dato più alto. Poi il numero dei nuovi positivi frenò grazie agli effetti delle chiusure previste nel periodo festivo. Oggi tutto dipende dal sistema dei colori. E c'è qualcosa che non torna nel meccanismo dell'Rt. La Lombardia, ad esempio, ha uno dei valori più bassi, a 0,82, ma anche ieri ha fatto segnare 4.557 nuovi casi positivi, ha quasi 4.500 ricoverati di cui 416 in terapia intensiva (in un giorno altri 38 pazienti in rianimazione), è stata costretta a dichiarare zona rossa la provincia di Brescia. Vero, la Lombardia è molto estesa e ha 10 milioni di abitanti, ma c'è uno sfasamento tra l'andamento dell'epidemia e dei ricoveri che corrono e l'Rt che resta molto basso. Anche il Lazio ieri ha superato quota 1.500 positivi, il dato non era così in alto da metà gennaio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA