Covid, devastanti effetti della pandemia sui giovani europei: il 64% a rischio depressione

Covid, devastanti effetti della pandemia sui giovani europei: il 64% a rischio depressione
di Franca Giansoldati
2 Minuti di Lettura
Lunedì 7 Giugno 2021, 15:53

I dati sono inquietanti: il 64% dei giovani europei sono a forte rischio di depressione, rispetto al 15% prima della crisi dovuta al Covid. Si tratta di una stima contenuta in una ricerca della Fondazione europea per la vita e il lavoro  (ef21064en.pdf) che rivela che per i giovani dai 18 ai 29 anni la situazione è effettivamente preoccupante. Le donne dai 18 ai 24 anni hanno registrato i livelli più alti di disagio.

Di fatto le conseguenze della pandemia rischiano di lasciare cicatrici psicologiche e socio-economiche su milioni di giovani europei, con conseguenze di vasta portata, come ha rivelato un ampio progetto di studio promosso dal Guardian.

Adolescenti e giovani adulti hanno espresso una profonda ansia per il loro futuro. Ad acuire il malessere sono stati i lunghi mesi di isolamento che hanno destabilizzato il loro benessere mentale, l'istruzione e le prospettive di lavoro. 

Anche se la Generazione Z è il gruppo che in percentuale rischia di ammalarsi di meno di Covid, è anche quella più colpita dalla più grande interruzione dell'istruzione della storia moderna, dall'aumento della disoccupazione e dagli effetti psicologici dell'isolamento. La profondità dello sconforto e della rabbia restano un campanello d'allarme per tutti i governi europei.

© RIPRODUZIONE RISERVATA