Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Elicottero disperso nel Modenese, a bordo sette persone: due libanesi, quattro turchi e il pilota Corrado Levorin

Il velivolo decollato dall'aeroporto di Capannori Tassignano a Lucca e diretto a Treviso

Elicottero disperso tra Emilia-Romagna e Toscana, a bordo sei persone. Ricerche in corso
4 Minuti di Lettura
Giovedì 9 Giugno 2022, 18:49 - Ultimo aggiornamento: 11 Giugno, 12:04

Di ora in ora diminuiscono le speranze di trovare in vita le sette persone a bordo di un rosso elicottero Agusta Koala che stava volando da Lucca a Treviso. Dal primo pomeriggio sono state attivate ricerche in Appennino, al confine tra le province di Modena e Lucca, per l'elicottero monomotore disperso. Il velivolo è partito in mattinata da Tassignano con quattro turchi, due libanesi e il comandante italiano, Corrado Levorin, 33 anni, di Padova.

Come riferito dal titolare della Roto Cart, Giuliano Gelain, di Reggio Emilia, il velivolo era diretto a Castelminio di Resana, nel Trevigiano. Il maltempo, nella mattinata, è stato definito "discreto", mentre è peggiorato proprio quando iniziate le ricerche.  L' AgustaWestland AW119 Koala è un elicottero assai diffuso con alto grado di affidabilità: un eventuale incidente potrebbe essere stato causato da un guasto oppure da un errore del pilota. In quella zona il velivolo aveva già raggiunto la velocità di crociera che è di poco meno 250 chilometri orari.

L'ultima segnalazione che si ha lo collocherebbe nel territorio sopra le montagne del Modenese, vicino al confine con la Toscana. Dal luogo riferiscono che il crinale durante il pomeriggio è stato investito da una tempesta di pioggia, fulmini e grandine. Il velivolo da tre giorni faceva la spola tra Lucca e il Trevigiano per portare alcuni clienti in azienda. L'allarme è stato lanciato solo dopo diverse ore dalla partenza, dall'azienda che aveva noleggiato l'elicottero.

 

Lago di Garda, scomparso un surfista tedesco: ritrovata solo la tavola

Cosa è successo

L'elicottero, da quanto appreso, era decollato stamani dall'aeroporto di Capannori Tassignano (Lucca) ed era diretto nel Trevigiano. A bordo 6 passeggeri e un piloti, l'unico italiano. Il velivolo è un Agusta Koala, immatricolato all'Avio di Thiene (Vicenza). Le ricerche sono condotte anche dai vigili del fuoco di Lucca e Modena che stanno perlustrando la zona appenninica al confine tra le province di Lucca e Modena e in particolare battuta la zona tra Pievepelago e San Pellegrino in Alpe.

L'elicottero scomparso oggi dai radar era stato ingaggiato dalla Elettric80, produttore di Viano (Reggio Emilia) per portare i suoi clienti alla Roto Cart di Castelminio di Resana, nel Trevigiano. Solo due giorni fa il nuovo impianto che automatizza tutte le fasi della lavorazione, dalla movimentazione delle bobine madri di carta allo stoccaggio dei prodotti in magazzino, era stato presentato alla stampa.

Le ricerche

Un elicottero del soccorso alpino di Pavullo e un altro mezzo di ricerca e soccorso dell'Aeronautica militare sono in azione per individuare l'elicottero disperso tra le province di Modena e Lucca, sull'Appennino tosco-emiliano. Si tratta di zone di montagne e boschi, piuttosto impervie. 

Sono partite anche squadre di terra e 24 volontari della protezione civile regionale dell'Emilia-Romagna. Stanno perlustrando zone impervie, boschi e scarpate, vaste e in buona parte disabitate. Le ricerche con il buio non si interromperanno del tutto: un elicottero militare Sar di Cervia dotato di sensori a infrarossi continuerà a sorvolare la zona. I sei stranieri erano dunque attesi alla Roto Cart di Giuliano Gelain: il velivolo faceva infatti la spola due volte al giorno, al mattino e al pomeriggio, per portare i compratori in azienda a Castelminio di Resana, dove sarebbe dovuto arrivare alle 10.30. «Sono convinto che non si sia schiantato - dice Gelain - altrimenti, secondo i tecnici, sarebbe partito un segnale di allarme, che noi non abbiamo mai ricevuto». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA