CORONAVIRUS

Coronavirus, in Veneto calano ancora i ricoveri. Zaia: «Se numeri salgono, possiamo richiudere»

Mercoledì 29 Aprile 2020
Coronavirus Veneto, Zaia frena: «Non è tutto finito, possiamo anche richiudere»

Coronavirus, importante precisazione del governatore del Veneto Luca Zaia alla vigilia della fine del lockdown. «Lo dico subito e in maniera trasparente: stiamo lavorando per fissare in maniera plastica un numero di ricoverati e delle terapie intensive, perché se lo raggiungiamo si torna a chiudere» per contenere la nuova eventuale avanzata del coronavirus. Lo ha annunciato il presidente del Veneto Luca Zaia. «Non ci sono alternative - ha aggiunto Zaia - non vorrei che qualcuno si faccia l'idea che è tutto finito». 

Coronavirus, Zaia: «I veneti non sono irresponsabili, non escludo altre ordinanze». Ma salgono le vittime

Coronavirus, in Veneto il lockdown non c'è più. E la Valle d'Aosta vuole riaprire le scuole
 

Zaia: obiettivo 30.000 tamponi al giorno

«Abbiamo un piano di rafforzamento che per la fine dell'estate ci porterà a fare 30 mila tamponi al giorno». Lo ha annunciato il presidente del Veneto Luca Zaia. «Se ci riusciamo - ha aggiunto - andiamo anche oltre i 30 mila, avremo alcune sorprese». Zaia ha puntualizzato che «è previsto che nel giro di 15-20 giorni vi sia un ripasso per tutti gli ospedali e le case di risposo, in alcune purtroppo la raccolta di positivi non è cessata. Il tampone 'beccà la positività già al sesto-settimo giorno, il test rapido dall'11/o giorno», ha concluso.

«È possibile affrontare la riapertura, ma investiamo sulla messa in sicurezza dei cittadini, e soprattutto la mascherina è imprescindibile, perché metti in sicurezza la tua salute, metti in sicurezza la salute degli altri, e se non te la metti avremo ricadute e dovremo riprendere in mano le chiusure», ha concluso Zaia. Sono intanto arrivati a 17.825 dall'inizio dell'epidemia i casi registrati in Veneto, 117 in più rispetto a ieri. Scendono a 1.156 i ricoverati negli ospedali (-31), e quelli nelle terapie intensive, che sono 114 (-6); 2.559 sono i pazienti dimessi (+51). I morti sono 1.124 in ospedale (+22), su un totale di 1.437. I tamponi eseguiti sono oltre 337 mila, 9.047 in più rispetto a ieri; 7.661 sono le persone poste in isolamento (-225).
 

 

Salvini: “Non è possibile chiudere tutto il Paese mentre il mondo torna a uscire”

I ricoverati in Veneto calano ancora. Sono arrivati a 17.825 dall'inizio dell'epidemia i casi di Coronavirus registrati in Veneto, 117 in più rispetto a ieri. Lo ha riferito il presidente Luca Zaia. Scendono a 1.156 i ricoverati negli ospedali (-31), e quelli nelle terapie intensive, che sono 114 (-6); 2.559 sono i pazienti dimessi (+51). I morti sono 1.124 in ospedale (+22), su un totale di 1.437. I tamponi eseguiti sono oltre 337 mila, 9.047 in più rispetto a ieri; 7.661 sono le persone poste in isolamento (-225).

Ultimo aggiornamento: 16:43 © RIPRODUZIONE RISERVATA