CORONAVIRUS

Coronavirus, udienze telematiche anche per i giudici di pace

Domenica 29 Marzo 2020 di Michela Allegri

La Giustizia non si ferma davanti all’emergenza Coronavirus: adesso anche le udienze davanti al giudice di pace si svolgeranno da remoto. È stata accolto l’appello lanciato da due associazioni di categoria, Unagipa e Angdp, in cui venivano denunciati i rischi legati all’emergenza sanitaria. Tre i punti fondamentali della denuncia: «Non è stata prevista alcuna tutela per i procedimenti di convalida delle espulsioni considerata attività urgente e non procrastinabile»; «i giudici di pace sono costretti ad occuparsi delle convalide in materia di immigrazione clandestina senza avere alcuna tutela personale e privi di misura idonea a scongiurare un possibile contagio, essendo completamente ignoto lo stato di salute dell’extracomunitario destinatario del provvedimento, dell’avvocato, dell’interprete, dei rappresentanti del Governo o della Prefettura, e delle Forze dell’Ordine presenti»; «l’udienza di convalida si svolge in una stanza inidonea in totale assenza di misure previste dalle nuove normative emanate dal Governo in questi giorni dettate dall’emergenza sanitaria da Coronavirus».

Uscire senza motivo: l'avvocato spiega cosa succede

Coronavirus, gli avvocati: «Tanti processi a rischio nullità»

Coronavirus, a Roma iniziano le udienze in videconferenza

Desirée Mariottini, slitta il processo: nuova udienza fissata ad aprile

Fino a pochi giorni fa, i magistrati onorari erano stati esclusi dalle nuove disposizioni che riguardano la giustizia penale e civile, con la possibilità di svolgere udienze e attività giurisdizionali da remoto e in modalità di videoconferenza. Ora le cose cambieranno, perché il ministero ha disposto anche per i giudici di pace la possibilità di celebrare udienze telematiche: è stato concesso «l'utilizzo di una licenza semestrale che consentirà di installare Office 365 e il software di videoconferenza Teams». In questo modo sarà possibile lavorare «da remoto».

Ma come funzionano i processi in videoconferenza? Le modalità saranno simili a quelle già sperimentate per i procedimenti civili e penali, con collegamenti a distanza e linee dedicate attraverso le quali gli avvocati possano comunicare in modo riservato con i loro assistiti. La scorsa settimana a Roma sono iniziate le udienze di convalida e per direttissima digitali. È stata istituita una sala dedicata al piano terra della Questura, presso l'ufficio denunce: viene utilizzato un collegamento audiovisivo, da remoto, per la convalida di arresti o fermi, nel pieno rispetto di tutte le garanzie difensive previste dal codice di procedura penale. Gli arrestati vengono condotti nella saletta e lì, alla presenza di personale di Polizia, avviene il collegamento in videoconferenza con il pubblico ministero e con il giudice competente. Il difensore può scegliere di presentarsi direttamente in questura, e presenziare fisicamente, oppure può parlare e confrontarsi con il suo assistito collegandosi in video dal Tribunale, dallo studio legale, oppure da qualsiasi altro luogo idoneo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani