CORONAVIRUS

Frenata del virus in Toscana: 196 nuovi casi, mai così pochi, e 13 morti in più. I contagi arrivano a 4.608

Martedì 31 Marzo 2020

In Toscana il virus rallenta: sono stati registrati nell'ultimo giorno 196 nuovi casi di coronavirus e i morti sono stati 13. I contagi totali della regione sono arrivati a 4.608. Sia i nuovi casi che i decessi sono in flessione rispetto a ieri. Per i nuovi casi, si registra oggi l'aumento più basso dall'inizio dell'epidemia: +4,4%.

I tamponi. Il calo è anche da mettere in relazione con il notevole aumento di tamponi: finora 33.165 complessivamente, di cui 3.066 solo nelle ultime 24 ore. Ad oggi sono 4.608 i contagiati dall'inizio dell'emergenza. 37 sono finora le guarigioni virali (i cosiddetti «negativizzati», risultati negativi al test ripetuto per due volte a distanza di 24 ore), 101 le guarigioni cliniche (senza più sintomi ma non ancora negativizzati) e 244 i decessi. I casi attualmente positivi in cura rimangono dunque 4.226. Spetterà in ogni caso all'Istituto superiore di sanità attribuire le morti al Coronavirus: nella stragrande maggioranza dei casi, si tratta infatti di persone che avevano patologie concomitanti. Questi i 13 decessi registrati in Toscana nelle ultime 24 ore, che vanno ad aggiungersi ai 231 registrati fino a ieri, per un totale di 244 decessi dall'inizio dell'epidemia.

Coronavirus, in Toscana si sperimenta un farmaco che evita la terapia intensiva: buoni risultati in 4 pazienti

Coronavirus, via ai tamponi in auto in Toscana (come in Corea del Sud)

Fino a ieri i casi totali da inizio epidemia erano 4.412, 231 i morti e 131 i guariti. In Toscana sono partiti i «tamponi in auto». Il test per il Coronavirus, noto anche come drive thru (o drive through) prevede che la persona venga sottoposta a tampone mentre a bordo della propria automobile. È una modalità di effettuazione del test che velocizza l'attività e rende possibile di eseguire più tamponi, in sicurezza, senza la necessità di andare a domicilio.

Ultimo aggiornamento: 16:28 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani