CORONAVIRUS

Coronavirus, contagiati 4 turisti di Taiwan: hanno viaggiato per 10 giorni tra Roma e Toscana

Domenica 9 Febbraio 2020 di Mauro Evangelisti
7
Virus, 4 i turisti di Taiwan positivi che hanno viaggiato in Italia

Sul territorio nazionale «non abbiamo casi acquisiti». E questo fa «ben sperare». Queste le parole degli operatori che stanno gestendo l'emergenza coronavirus sul caso della famiglia di Taiwan di quattro persone, arrivata in Italia da Hong Kong il 22 gennaio per ripartire il 31. Tornati a casa il primo febbraio, padre madre e uno dei figli, sono risultati positivi al coronavirus. Il ragazzo è il 18/o caso registrato a Taiwan. Le tappe del loro viaggio sono state tutte individuate in base alle procedure che si adottano per questi casi con il tracciamento di tutti 'i contatti stretti e continuativì. 

Coronavirus, Tokyo 2020 Il Cio: «Olimpiadi a rischio? No, andiamo avanti»

Coronavirus, allarme dei medici: «I contagi in ospedale a Wuhan ai livelli della Sars»

«Siamo abbastanza tranquilli perché sta per scadere il periodo dei 14 giorni da quando sono passati per la Toscana e per il Lazio», precisa il ministero della Salute. Stretta la collaborazione con le autorità sanitarie locali. In particolare riguardo al tracciamento degli spostamenti, per contatti stretti e continuativi si intende, per l'aereo, i due passeggeri accanto da entrambi i lati e due file avanti e due indietro. Individuati anche i posti dove la coppia di Taiwan con i figli hanno viaggiato in treno per spostarsi in Italia e tracciati anche tutti gli spostamenti effettuati e le strutture che hanno frequentato e dove hanno alloggiato. «Noi non abbiamo casi acquisiti sul territorio nazionale. I tempi della coppia di Taiwan ci fanno ben sperare ma i controlli verranno ugualmente effettuati», ha detto il direttore scientifico dell'Istituto Spallanzani, Giuseppe Ippolito. Le ultime tappe sono state in Toscana, a Firenze Siena e Pisa, e a Roma. La famiglia, rende noto la regione Toscana, ha soggiornato sul territorio regionale per quattro giorni, dal 26 al 29 gennaio. 
 

 

La Regione «appena allertata dal ministero ha attivato la Asl che, a sua volta, ha inviato gli operatori» nella struttura ricettiva dove ha soggiornato nel centro di Firenze dal 26 al 29 gennaio, «per i controlli del caso al personale della reception entrato in contatto con i turisti. A circa 10 giorni di distanza dalla partenza i controlli hanno dato esito negativo». Anche dalla Regione Lazio fanno sapere che non ci sono criticità per il passaggio della famiglia di Taiwan. «Una volta appresa la notizia da fonti ministeriali sono state disposte tutte le verifiche previste dai protocolli, si è immediatamente attivata la task force del servizio sanitario regionale e non si sono rilevate criticità nel tragitto romano. Abbiamo un ottimo sistema di sorveglianza e i cittadini devono fidarsi», fa sapere l'assessore alla Sanità del Lazio, Alessio D'Amato.

I casi accertati di positività al coronavirus in Italia sono tre, la coppia di turisti cinesi e il giovane ricercatore italiano tuttora ricoverati allo Spallanzani. In merito invece alla diffusione in Cina, «aumenta - ha detto Ippolito - soprattutto la quota nella provincia della quale fa parte Wuhan e questo fa pensare che nelle altre province la diffusione potrebbe non essere così rapida». E sul vaccino: «Ci sono tante piattaforme vaccinali. In questo momento chiunque sa produrre un vaccino prova a fare un vaccino. Ci vorranno almeno sei mesi. Poi andrà valutato. Ô difficile che noi avremo un vaccino disponibile su larga scala prima di un anno». Per le scuole «è giusto che venga gestito attraverso il modello dei Dipartimenti di prevenzione delle Asl che sono capillari sul territorio e che hanno le competenze sufficienti. Saranno loro a consigliare caso per caso».

Ultimo aggiornamento: 10 Febbraio, 02:22 © RIPRODUZIONE RISERVATA