CORONAVIRUS

«Coronavirus, a Saronno si rischiano 1.200 morti». Bufera sul sindaco (che poi si scusa)

Mercoledì 26 Febbraio 2020
1
«Coronavirus, a Saronno si rischiano 1.200 morti». Bufera sul sindaco (che poi si scusa)

Coronavirus, prima l'allarme poi le scuse. Alessandro Fagioli, sindaco di Saronno (Varese), ha disposto la chiusura del mercato comunale con un'ordinanza in cui si parla di «rischio di 1.200 morti» in città. Nell'ordinanza, oggetto di polemiche social e non solo, si legge: «La Città di Saronno ha poco meno di 40.000 abitanti e qualora nel caso peggiore, venissero tutti contagiati, rischieremmo di avere, stando al 3% di decessi, circa 1200 decessi». 

LEGGI ANCHE Coronavirus, Gentiloni: impatto su economia notevole, peserà molto su Italia

Il sindaco è stato costretto a ritrattare e scusarsi attraverso un comunicato ufficiale: «Ammetto che c'è stato un errore comunicativo e se questo ha scaturito allarme me ne scuso, non era la mia intenzione. Detto questo rimane validissima la motivazione principale per la quale ho deciso di introdurre questo e altri provvedimenti e cioè quello della tutela della salute pubblica dei miei cittadini». 

LEGGI ANCHE Coronavirus, Speranza: no a rimpallo di responsabilità, protezione dei nostri medici cruciale

Per Fagioli «è fondamentale continuare ad avere massima fiducia nella scienza e nella medicina così come nelle istituzioni e seguire tutte le indicazioni di prevenzione. In questo modo certamente riusciremo a superare anche questo difficile momento e torneremo a fare una vita normale». L'ordinanza, contestata tra gli altri dal consigliere regionale lombardo del Pd Samuele Astuti che ha parlato di «folle allarmismo», ha avuto valore «solamente per questa mattina ed e quindi già scaduta», ha precisato il sindaco.

LEGGI ANCHE Coronavirus, autista di Terracina soccorso a Frosinone e portato allo "Spallanzani"

Italia Viva: «Inaudite le parole del sindaco di Saronno»

«Le dichiarazioni del sindaco della Lega di Saronno, Alessandro Fagioli, sono irresponsabili. Usare a vanvera l'indice di letalità del coronavirus sui contagiati, che è pari a 0,015 calcolato con i dati certi dei focolai esistenti, per dire che una città di 40mila abitanti come Saronno rischierebbe 1200 morti, significa voler generare disordine e paura nella cittadinanza e creare un danno alle attività economiche della città». Lo dichiarano i deputati di Italia Viva Gianfranco Librandi e Maria Chiara Gadda.

LEGGI ANCHE Coronavirus, a Roma non ci sono più positivi: attesa test per 31 pazienti

«L'Italia ha 60 milioni di abitanti e grazie a controlli massicci sono stati individuate poche centinaia di contagiati e di questi, ad oggi, solo persone con pregresse complicanze sono purtroppo decedute. Usare queste cifre e strumentalizzare le vittime per alimentare allarme e farsi propaganda è folle: chi lo fa come Fagioli dovrebbe dimettersi, perché - sottolineano - sta venendo meno al suo ruolo di garanzia istituzionale». «Il presidente Fontana, cui riconosciamo la fermezza e la moderazione con cui sta affrontando l'emergenza, intervenga su chi nel suo partito usa parole inaudite e specula sulla paura. Si stabiliscano le responsabilità di chi con le sue incompetenti decisioni ha danneggiato l'immagine e la reputazione economica e sociale della Lombardia e di tutta l'Italia», concludono.

Ultimo aggiornamento: 15:58 © RIPRODUZIONE RISERVATA