CORONAVIRUS

Coronavirus, Ramadan al via in Italia per 2 milioni di musulmani. Gli imam: «Sermoni e preghiere in streaming»

Lunedì 20 Aprile 2020
Sarà un Ramadan in streaming: il mese sacro per i musulmani inizia venerdì e gli imam in Italia sono alla ricerca di nuovi strumenti per coinvolgere i fedeli ai tempi del Covid-19. A festeggiare saranno circa due miioni di fedeli. L'emergenza coronavirus, che ha imposto tra l'altro la chiusura delle moschee, costringe famiglie e comunità a «rinunciare a ritrovarsi la sera nei centri islamici e nelle moschee per recitare insieme il Corano come supporto al digiuno diurno», spiega Yahya Pallavicini, imam della moschea Al Wahid di Milano e presidente della Comunità religiosa islamica italiana. 

Coronavirus, i pediatri: «Il 47 per cento dei bambini asintomatici, senza interventi rischiano di diventare untori»

Insomma, un Ramadan in isolamento, in cui lo streaming sarà protagonista. 
«Il sermone della preghiera del venerdì durante il Ramadan sarà trasmesso in streaming su Facebook in modo da raggiungere tutti i fedeli nelle loro case. E anche lezioni e momenti di riflessioni collettiva saranno diffusi via web», spiega Izzedin Elzir, imam di Firenze ed ex presidente dell'Unione delle comunità e organizzazioni islamiche in Italia (Ucoii) ad Aki - AdnKronos International. Secondo Elzir, l'arrivo del Ramadan, uno dei cinque pilastri dell'Islam, in questo momento di difficoltà è una «sfida» che «dobbiamo trasformare in un'opportunità per riscoprire i rapporti familiari e per riflettere. Restare a casa non significa non fare niente, è un momento per esaminare la nostra vita ed il rapporto che abbiamo con Dio e con il prossimo».

Coronavirus, lo studio: «Può resistere nell'aria fino a 16 ore, particelle più infettive della Sars»


L'imam di Napoli Amar Abdallah ha già «avvertito i fedeli tramite internet, è un dovere restare a casa». Sarà un mese di Ramadan «particolare», «a cui non siamo abituati». L'attuale situazione in Italia e nel resto del mondo «ci impone di restare a casa ed osserveremo le regole», sottolinea l'imam, ricordando come i musulmani aspettino questo mese ogni anno per «avvicinarsi spiritualmente a Dio». «Durante questo periodo siamo abituati a frequentare le moschee e a svolgere l'iftar insieme, ma quest'anno non sarà così e obbediremo alla legge italiana», evidenzia Abdallah, nella cui moschea ogni venerdì, prima del coronavirus, si radunava un migliaio di persone.  © RIPRODUZIONE RISERVATA