CORONAVIRUS

Coronavirus, la psicosi viaggia nelle chat delle mamme: «Non entrate nei negozi cinesi»

Mercoledì 29 Gennaio 2020
1
Coronavirus, «Non entrate nei negozi cinesi»: il messaggio che impazza nelle chat delle mamme

L'allarme per il coronavirus in Italia sembra essere senza controllo. Dal quartiere Sarpi - cuore della Chinatown di Milano - ai Navigli, dall'Isola al centro. Nel capoluogo lombardo, un messaggio fotocopia rimbalza di chat in chat. E, con tanto di errore lessicale, viene spacciato per un «consiglio medico sanitario». «Non andate nei negozi cinesi, finché questo virus non sarà circoscritto e sconfinato», si legge. Il nuovo coronavirus partito da Wuhan, megalopoli del gigante asiatico, in effetti non ha ancora «sconfinato» in Italia, ma la psicosi viaggia ugualmente online nei gruppi Whatsapp delle mamme di studenti che frequentano le scuole cittadine, da nidi e materne fino alle primarie.

Coronavirus, British Airways cancella tutti i voli, Air France e Lufthansa li conferma

Nelle chat, va precisato, le reazioni delle altre mamme sono in realtà di indignazione nella maggioranza dei casi. Ma il seme della paura trova anche terreno fertile: «Nessuno vuole creare panico, ma ricordiamoci che con la globalizzazione la Cina non è così lontana. Molti cinesi sono stati in quella località e l'incubazione è lunga. Quindi un pò di precauzione è d'obbligo», scrive un utente. «A quando vieteremo ai bimbi asiatici di frequentare la scuola come precauzione d'obbligo per via della globalizzazione?», è la replica esasperata di una ragazza.
 


Il tema è caldo e i commenti si sprecano. Nel
messaggio clone che è stato messo in circolazione si prova anche a dare una giustificazione al suggerimento di tenersi alla larga dai negozi cinesi: «Molte persone e commercianti cinesi che lavorano in Italia - scrive l'autore sconosciuto - hanno contatti continui con la catena di distribuzione nei loro ingrossi, dove tanti imprenditori cinesi vengono o sono passati per Wuhan per ovvi motivi di business nell'ultimo periodo. Speranzosi di non essere discriminatori, ma bensì d'ausilio alla popolazione, lanciamo questo appello solo a scopo protettivo della salute nazionale, non per fini commerciali. Grazie. Fate girare se siete d'accordo».

Coronavirus, la Chiesa di Hong Kong corre ai ripari: al bando ostie e acqua santa

A questo punto non manca chi si chiede «cosa si nasconde dietro questo boicottaggio». Ma c'è pure chi fa notare che «minimizzare il problema è idiota quanto estremizzarlo». O ancora: «La diffusione diretta in Europa da persona a persona è già in atto, vedi in Germania. Dunque cosa?», scrive qualcuno. «Almeno i virus non sono razzisti», è la replica stizzita. E c'è chi obietta: «Mi sembra che nessun italiano al momento come prevenzione si mette la mascherina, cosa invece molti cinesi fanno... chi è più cauto?».
 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani