CORONAVIRUS

Coronavirus, morto un autista del 118 di Napoli: aveva patologie pregresse

Sabato 28 Marzo 2020
Morto un autista del 118 di Napoli: aveva patologie pregresse

È morto nell'ospedale di Pozzuoli E.L., 46 anni, autista del servizio 118 della Asl Napoli 2 Nord per conto di una associazione di volontariato, colpito dal coronavirus. Secondo la Asl era giunto in ospedale in condizioni molto gravi anche a causa di patologie pregresse. La sua morte riaccende il dibattito sulla sicurezza degli operatori: i sindacati di categoria tornano a chiedere misure di protezione più rigorose per chi opera in prima linea.

Coronavirus a Napoli, morto il primo medico di famiglia: «Papà è morto per il suo lavoro»

Replica la Asl Napoli 2 Nord: «Gli equipaggi del 118 effettuano gli interventi di soccorso sulla base di una valutazione telefonica della Centrale che segnala eventuali casi di pazienti COVID19, così da permettere agli operatori di indossare le tute di contenimento, i visori, le maschere, i guanti e i calzari. Per tutti gli altri casi, l'ASL ha dato indicazione a medici, infermieri, autisti e volontari di indossare sempre la mascherina di protezione e i guanti. Tali presidi vengono assicurati dall'Azienda anche ai volontari». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani