CORONAVIRUS

Coronavirus, giovane migrante positivo nell'hotspot di Pozzallo

Venerdì 10 Aprile 2020
Coronavirus, giovane migrante positivo nell'hotspot di Pozzallo

 È risultato positivo al covid 19 un giovane migrante egiziano di 15 anni arrivato ieri nell'hot spot di Pozzallo (Rg) perchè trasferito da Porto Empedocle, dopo che il 6 aprile era approdato a Lampedusa con un barchino di fortuna. Insieme a lui da Porto Empedocle sono stati trasferiti altri migranti arrivati nei giorni scorsi a Lampedusa.

Porti italiani chiusi fino a termine emergenza Coronavirus

 È un 15enne egiziano sbarcato nei giorni scorsi a Lampedusa e poi trasferito tramite Porto Empedocle il migrante dell'hotspot di Pozzallo risultato positivo al Covid-19. Lo si apprende dal sindaco del centro del Ragusano, Roberto Ammatuna, che con una propria ordinanza ha disposto la quarantena della struttura. Il primo cittadino annuncia anche la presentazione di un esposto alla Procura di Agrigento per «capire che tipo di controlli medici sono stati eseguiti nei confronti dei migranti» e sollecita l'intervento dell'assessore regionale Ruggero Razza «per le sue competenze» sul caso e sugli sbarchi. Ammatuna chiede si facciano, per precauzione, i tamponi a tutti gli operatori, «anche se sono tutti dotati di Dpi». Il ragazzino, arrivato ieri, è stato messo subito in isolamento dal medico dell'hotspot che lo ha trovato con 38 di febbre e una congiuntivite. Insospettito ha fatto fare il tampone, risultato poi positivo. 

Ultimo aggiornamento: 13:38 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani