CORONAVIRUS

Coronavirus, ecco chi sono i medici e scienziati militari inviati dalla Russia per aiutare l'Italia

Lunedì 23 Marzo 2020 di Franca Giansoldati
1

Ecco chi sono i medici russi esperti in virologia ed epidemiologia che sono stati incaricati dal Cremlino di aiutare l'Italia. Tutti hanno alle spalle un curriculum lunghissimo. Alcuni di loro hanno partecipato direttamente a come risolvere il problema della contaminazione dall’Antrace, hanno studiato Ebola e i vaccini antipeste.

Coronavirus, Alberto Cirio, governatore del Piemonte: «Sono guarito», nella regione 4.541 contagiati
Coronavirus, in arrivo 12 milioni di mascherine, Di Maio ne ordina 100 milioni in Cina

Il gruppo – un centinaio di persone in tutto - è guidato dal generale-maggiore Sergey Kikot esperto nel campo della decontaminazione. Ha eseguito praticamente tutti i test per quanto riguarda l’organizzazione dei lavori in condizioni epidemiologiche complicate la diffusione dell’Antrace.

Tra gli specialisti c'è il tenente colonnello Gennadiy Eryomin che è scienziato leader del centro scientifico di ricerca, PhD in medicina. Esperto nel settore dell’organizzazione e realizzazione delle misure antiepidemiologiche. Ha una esperienza nella peste suina africana e afta epizootica.

Il tenente colonnello Vyacheslav Kulish, un altro membro del gruppo, è specialista contro agenti biologici virali. Ha partecipato all’elaborazione dei vaccini contro Ebola, medicinali antipeste. Ha esperienza nella decontaminazione durante le epidemie. Poi Alexander Yumanov, docente dell’Accademia militare di medicina. Ha lavorato a lungo alla realizzazione antiepidemiologica durante disastri naturali e situazioni d’emergenza dovuti a Ebola. Infine lo scienziato Alexey Smirnov autore più di 70 lavori scientifici dedicati alle ricerche nel campo di epidemiologia e la prevenzione delle malattie infettive.

Ultimo aggiornamento: 14:23 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani