CORONAVIRUS

Coronavirus Lombardia, diminuiscono i ricoverati. Fontana: «Abbiamo test sierologico affidabile»

Martedì 7 Aprile 2020

In Lombardia ci sono 52.325 cittadini contagiati dal coronavirus, con un incremento di 791 rispetto a ieri, quando tuttavia la crescita era stata di circa mille. Lo ha annunciato l'assessore al Welfare Giulio Gallera. Scendono i ricoverati, a 11.833 (-91), e i pazienti in terapia intensiva, a 1.305 (-81). I guariti sono aumentati di 635 a 14.498, mentre i decessi sono cresciuti di 282 a 9.484. 'Sono numeri positivi e quindi giorno dopo giorno c'è una continua riduzione di tutti i fattori e questo è un elemento significativò, ha commentato Gallera

LEGGI ANCHE --> Coronavirus, il bollettino: aumentano i guariti, sono 1.555 più di ieri. Contagi in calo, sono 880 in più. Borrelli: mai così bassi dal 10 marzo
​​Coronavirus Italia, mappa contagio: -75 pazienti in terapia intensiva in Lombardia, Emilia, Piemonte e Veneto

«Anche gli indicatori delle province sono positivi». Lo ha dichiarato l'assessore di Regione Lombardia al Welfare, Giulio Gallera, durante il consueto collegamento da Palazzo Lombardia per fare il punto sull'emergenza sanitaria descrivendo l'andamento nelle varie province lombarde: «a Bergamo 9868 (+53), ieri era +103 - ha proseguito Gallera - a Brescia 9.594 (+117), a Como 1525 (+52), a Cremona 4323 (+63), a Lecco 1731 (+19), a Monza 3206 (+49), a Milano 11787 (+249), Lodi 2321 (+43), a Mantova 2142 (+58), a Pavia 2735 (+35), a Sondrio 620 (+6), a Varese 1326 (+33)». Per quanto riguarda i grandi comuni, l'assessore sottolinea il caso di Milano, dove «siamo +99, ieri era +112, quindi anche a Milano la situazione si sta andando a ridurre». 

È stato individuato al San Matteo di Pavia «un test sierologico molto affidabile che attraverso un prelievo di sangue consente di verificare chi ha sviluppato anticorpi. Entro due settimane dovremmo avere la certificazione CE dopodichè partiranno i test sulla popolazione». Lo ha detto il presidente di Regione Lombardia, Attilio Fontana in conferenza stampa. Chi risulterà aver sviluppato gli anticorpi riceve così «una patente di immunità» ma questo test «consente anche di identificare le persone negative che dovranno per questo restare molto attente e mantenere le precauzioni per non ammalarsi».
 

Ultimo aggiornamento: 19:25 © RIPRODUZIONE RISERVATA