CORONAVIRUS

Coronavirus Lombardia, altro giorno di lutto per Bergamo: 70 bare sui camion dei militari. Sala: se crolla Milano sarebbe un disastro

Sabato 21 Marzo 2020
Coronavirus Lombardia, altro giorno di lutto per Bergamo: 70 bare sui camion dei militari

Nuova giornata drammatica per la Lombardia: sono una settantina i feretri che questa mattina sono stati caricati sui camion dell'esercito per essere trasferiti dal cimitero di Bergamo in altre zone del Nord, in particolare in Emilia Romagna per la cremazione. I feretri verranno distribuiti tra la Certosa di Ferrara e il cimitero di Copparo per la cremazione.Anche oggi Bergamo assisterà dunque a un nuovo, drammatico corteo dei mezzi, come quello della sera del 18 marzo scorso, con le bare dei propri cari per i quali non è nemmeno stato possibile organizzare un funerale, perché le regole per contrastare la diffusione del coronavirus li vietano.

Beppe Fiorello: «Camion militari pieni di morti: basta canti sui balconi, facciamo un giorno di lutto nazionale»

Coronavirus Lombardia, colonna mezzi esercito trasporta le bare fuori da Bergamo

Le attuali misure per il contenimento del coronavirus «non bastano ancora», dice intanto Massimo Galli, direttore del Dipartimento di Malattie Infettive dell'Ospedale Sacco di Milano a SkyTg24. «Le misure sono importanti e perché funzionino devono essere radicali perché altrimenti ce lo dimostra Wuhan che è riuscita ad uscire da questo disastro in un tempo ragionevole anche se lungo, altrimenti rischiamo che il nostro tempo diventi lunghissimo», aggiunge Galli. «Quando vado in ospedale o trovo le persone che dipingono le righe per terra mi chiedo se non sia un'attività che non può esser rimandata - si chiede il professore -. Stare a casa è fondamentale ma se si sta a casa in situazione in cui le licenze di uscita sono troppo numerose e non giustificate andremo avanti a continuare ad aver infezioni». Secondo Galli in Lombardia ci sono molti più Covid positivi di quelli accertati che rischiano di diffondere ulteriormente il contagio andando «al lavoro» o in famiglia. «Non c'è alternativa alle misure radicali. Lo dico da giorni: é evidente che la battaglia Milano è fondamentale per riuscire a uscire per tempo, bene e presto da questa emergenza. Dobbiamo assolutamente riuscire a contenere l'infezione in città».

Il sindaco Sala. «Ringrazio i milanesi che stanno facendo la loro parte, che si stanno comportando bene - a parte alcune eccezioni con dei comportamenti inaccettabili - ma nella stragrande maggioranza grazie per quello che state facendo con disagio, con fatica». Così il sindaco di Milano Giuseppe Sala si rivolge, sulla sua pagina Facebook, ai cittadini costretti a restare in casa per l'emergenza coronavirus. Le misure probabilmente verranno prorogate perché «questa è una lunga maratona e non uno sprint». «Penso alla mia fatica tutti i giorni a Palazzo Marino alla ricerca di un bandolo della matassa che a volte non trovo - dice il primo cittadino -, ma oggi noi siamo chiamati a resistere perché Milano non è ancora stata toccata dalla diffusione del virus come altre città lombarde e non lo può essere per la nostra salute, per i nostri cari. Immaginate il crollo di una città da 1,4 milioni di abitanti cosa produrrebbe sul sistema sanitario: sarebbe un disastro», aggiunge Sala.
 

Ultimo aggiornamento: 12:31 © RIPRODUZIONE RISERVATA