CORONAVIRUS

Coronavirus, l'Associazione Luca Coscioni: «L'Intelligenza artificiale risponde alle domande»

Lunedì 16 Marzo 2020
Tutte le risposte si basano su fonti ufficiale
Quali sono tutti i divieti da rispettare, le precauzioni da seguire, i consigli utili per affrontare l'emergenza Coronavirus? C'è CITbot, l'intelligenza artificiale (IA) per le libertà civili promossa dall'Associazione Luca Coscioni, ora attrezzata a rispondere 24 ore su 24, 7 giorni su 7 alle domande dei cittadini sull'emergenza epidemiologica. «Le risposte di CITbot sono basate sulle informazioni ufficiali, e il sistema 'imparà a riconoscere le domande con sempre maggiore precisione a mano a mano che viene utilizzato - spiega una nota - Due i canali attivi: 'coronavirus', per informazioni generali sul virus, sulle precauzioni da prendere, le misure di contenimento; 'coronavirus stress' sulla gestione dello stress e della emotività legata alla paura e al panico che una emergenza come quella che stiamo vivendo può provocare».

Tutte le risposte di CITbot si basano sulle informazioni divulgate solo da fonti ufficiali e il sistema «impara» a riconoscere le domande con sempre maggiore precisione a mano a mano che viene utilizzato. «Le difficoltà che stiamo tutti attraversando mettono a dura prova la nostra quotidianità, il nostro lavoro, i rapporti di amicizia e familiari, spesso costringendo a sacrifici molto pesanti - Marco Cappato, tesoriere dell'Associazione Luca Coscioni - L'Associazione è nata per difendere le ragioni della libertà e della scienza. Mai come ora è evidente a tutti come entrambe siano vitali. Come Associazione, stiamo impegnando ogni nostra energia per contribuire a fornire uno dei beni più preziosi: la conoscenza. Per questo abbiamo attivato CITbot, un sistema di intelligenza artificiale che risponde alle domande dei cittadini senza limite di orario e stiamo realizzando una serie di interviste podcast a esperti e scienziati»
Ultimo aggiornamento: 19:19 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Zero pubblico, il Bioparco pensa ai fondi

di Marco Pasqua