CORONAVIRUS

Coronavirus, esercito schierato contro le violazioni: 20mila soldati in strada per i controlli

Venerdì 20 Marzo 2020 di Valentina Errante
5

ROMA Militari in campo contro le violazioni delle misure varate dal governo per contenere il contagio da coronavirus. Saranno i prefetti a inoltrare all'amministrazione centrale le richieste degli amministratori locali che invocano l'intervento degli uomini della missione Strade sicure, la missione che adesso potrebbe essere aumentata di altre 13mila unità, arrivando così a oltre 20mila uomini, per controllare il territorio. Potrebbe esserci anche Roma. Ma intanto Palazzo Chigi, con un nuovo decreto, potrebbe emanare norme ancora più rigide, dal momento che gli spostamenti nelle città continuano ad essere numerosi e i contagi non sono diminuiti. Non soltanto vietando le attività sportive all'aperto, ma anche riducendo alla sola mattina l'orario di apertura dei negozi di generi alimentari, chiudendo le altre tipologie di esercizi commerciali e ipotizzando controlli sui tabulati telefonici per verificare le autocertificazioni di chi esce. 

Coronavirus, scuole chiuse fino a maggio: l'ipotesi di una Maturità light

TENUTA PSICOLOGICA
I dubbi riguardano la tenuta psicologica dei cittadini, costretti a modificare le proprie abitudini e all'isolamento. Anche perché, di certo, le direttive saranno prorogate oltre il 25 marzo. Del resto aumenta il pressing delle Regioni, Lombardia in testa, non solo di prolungare le misure di contenimento del contagio da Coronavirus, ma anche per introdurne di più restrittive. Il presidente della Regione, Attilio Fontana lo ha ribadito in una telefonata con il premier Conte: ha chiesto un massiccio intervento dell'esercito, la chiusura degli studi professionali e degli uffici pubblici, salvo per le attività indifferibili, e il fermo dei cantieri. Il decreto, però, non dovrebbe arrivare prima di domenica quando, secondo gli esperti, si potrà valutare la curva dei contagi. E solo allora il governo deciderà in quale direzione procedere.
La videoconferenza di ieri tra il premier Giuseppe Conte, i commissari all'emergenza e i ministri alla Salute Roberto Speranza, degli Esteri Luigi Di Maio, alla Difesa Lorenzo Guerini e per gli Affari regionali, Lorenzo Boccia, diventerà adesso un appuntamento quotidiano per gestire l'emergenza. Nell'incontro di ieri è stata valutata l'ipotesi della creazione di nuovi ospedali da campo e si è discusso delle modalità per far rientrare i cittadini ancora all'estero.
 

Gli amministratori locali si rivolgeranno ai prefetti in sede dei comitati provinciali per l'ordine e la sicurezza e questi ultimi, valutate le esigenze, inoltreranno al Viminale le richieste di intervento dei militari sul territorio. Sarà l'amministrazione centrale ad autorizzare l'esercito. Il sindaco di Verona e quello di Civitavecchia hanno già sollecitato l'intervento dell'esercito: un deterrente per quanti continuano a non rispettare le regole. 
Finora sono 253, su 7.300, le unità impiegate per l'emergenza. Cento uomini sono già operativi a Trieste e il Viminale ha anche autorizzato l'intervento in Sicilia e in Campania. Il nodo riguarda anche l'aumento del contingente fino a 13mila unità e il rifinanziamento della missione, coperta fino al 25 maggio.

SPORT
Il presidente della Regione Valle D'Aosta, dove sono stati censiti 232 casi positivi al coronavirus, ha già vietato le attività sportive sia a piedi che in bicicletta. L'ordinanza, emessa ieri, dispone che lo spostamento a piedi sarà consentito solo per lavoro, necessità o salute. E in questa direzione andrà quasi sicuramente il decreto che il governo dovrebbe varare nelle prossime ore. Per evitare che la gente continui a circolare nonostante l'emergenza. Tra le nuove direttive quella di non potersi più spostare dalla residenza al domicilio.
Finora i sindaci hanno disposto autonomamente limiti di orario all'apertura degli alimentari, ma tra le misure che il governo sta valutando c'è quella di ridurre l'attività dalle 8 alle 15 e di ordinare la chiusura domenicale. Alla chiusura domenicale c'è già arrivato il governatore della Sicilia Musumeci: stretta firmata ieri. Attualmente, sono più di 230 mila gli esercizi commerciali del settore alimentare che continuano regolarmente ad esercitare, secondo quanto prescritto dal decreto del governo. In base ai i dati forniti da Unioncamere e InfoCamere, complessivamente, le attività commerciali e di servizi alla persona aperte nel territorio italiano sono invece mezzo milione. L'elaborazione camerale evidenzia in particolare che il maggior numero di punti vendita di prodotti alimentari si trova in Campania, Nel Lazio ci sono oltre 24 mila esercizi dedicati al cibo e alle bevande. Troppi, secondo medici e virologi.

Ultimo aggiornamento: 12:13 © RIPRODUZIONE RISERVATA