CORONAVIRUS

Coronavirus, guariti in aumento, 1.022 più di ieri: 16.523 morti ma il contagio rallenta

Lunedì 6 Aprile 2020
1

Rallentano i contagi da coronavirus in Italia: secondo il bollettino diffuso dalla Protezione civile, l'aumento dei casi positivi è in flessione rispetto alla tendenza registrata nei giorni scorsi. I positivi di oggi 6 aprile sono infatti 93.187, 1.941 più di ieri, mentre lo stesso dato relativamente ai due giorni precedenti aveva fatto registrare 2.972 nuovi casi. 

Covid-19, in Lombardia 297 morti oggi e mille positivi in più, ma cala il numero dei ricoverati

Per quanto riguarda i decessi, ha fatto sapere il commissario Angelo Borrelli, i morti sono 636 più di ieri e raggiungono quota 16.523, mentre un altro dato positivo è quello dei guariti, ben 1.022 più di ieri, che toccano quota 22.837. Continuano a calare le terapie intensive 79 ricoveri in meno: 3.898. Il numero totale di casi dall'inizio dell'epidemia è 132.547.

Coronavirus, mappa contagi regione per regione: l'epidemia rallenta in Lombardia, Emilia Romagna, Piemonte e Veneto

«Ho firmato ieri sera un'ordinanza di Protezione civile che istituisce un Fondo per provvidenze destinate ai familiari dei sanitari deceduti, alimentato dalla famiglia Della Valle; ringrazio Diego Della Valle che ha promosso la raccolta per chi è rimasto orfano o ha perso un familiare a causa dell'emergenza», ha spiegato Borrelli.

«I dati confermano sostanzialmente il trend confortante che vediamo da qualche giorno, per efficaci misure di contenimento. Dal 30 marzo al 6 aprile -90% ricoverati, da 409 a 27. Per le terapie intensive il saldo era positivo, +75, il 30 marzo, oggi è di -79, che sono stati dimessi. Il trend è meno forte sui decessi, purtroppo ancora al 50% in Lombardia, ma su base settimanale la diminuzione è oltre il 20% anche per i decessi». Così Luca Richeldi, pneumologo del Policlinico Gemelli e membro del Comitato tecnico scientifico (Cts).


 

 

 

Ultimo aggiornamento: 7 Aprile, 09:08 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani