CORONAVIRUS

Coronavirus, diretta: 276 guariti, 2.706 contagi, 107 morti. In Cina superate le 3.000 vittime

Mercoledì 4 Marzo 2020
1

Nuovi dati sul coronavirus in Italia. Sono 2.706 i malati per coronavirus in Italia, con un incremento di 443 persone in più rispetto a ieri e 107 i morti, 28 in piùSono 276 i guariti da coronavirus in Italia116 in più rispetto a ieri. Lo ha detto il capo della Protezione civile Angelo Borrelli nel corso della conferenza stampa. L'aumento è del 72,5%, il maggiore registrato negli ultimi giorni. Sono 295 i malati con il coronavirus ricoverati in terapia intensiva, 66 in più rispetto a ieri. Il dato è stato fornito dal commissario Angelo Borrelli in conferenza stampa alla protezione civile. Negli ospedali ci sono invece 1.346 ricoverati con sintomi mentre 1.065 sono in isolamento domiciliare.

Il nuovo dato è stato fornito dal commissario Angelo Borrelli nel corso della conferenza stampa alla Protezione Civile. Dai dati della Protezione Civile emerge che sono 1.497 i malati in Lombardia, 516 in Emilia Romagna, 345 in Veneto, 82 in Piemonte, 80 nelle Marche, 31 in Campania, 21 in Liguria, 37 in Toscana, 27 nel Lazio, 18 in Friuli Venezia Giulia, 16 in Sicilia, 7 in Puglia, 7 in Abruzzo, 5 in Trentino, 3 in Molise, 9 in Umbria, uno in provincia di Bolzano, in Calabria, 2 in Sardegna e uno in Basilicata. L'unica regione che al momento non ha avuto casi di Coronavirus in Italia resta dunque la Valle d'Aosta. Le vittime sono 73 in Lombardia (18 in più di ieri), 22 in Emilia Romagna (+4), 6 in Veneto (+3), 4 nelle Marche (+2), una in Liguria e Puglia. Complessivamente sono finora 3.089 i contagiati dal coronavirus, comprese le vittime e le persone guarite. Quanto ai tamponi, ne sono stati eseguiti 29.837, dei quali oltre 25 mila in Lombardia, Emilia Romagna e Veneto.

Coronavirus, l'ipotesi: chiudere tutte le scuole. Anziani a casa, niente strette di mano
Coronavirus, il poliziotto di Pomezia contagiato al concerto dei Jonas Brothers: migliaia di giovani da trovare
Coronavirus, a Roma cinque nuovi contagi: malato un altro vigile del fuoco a Capannelle

Oltre 3.000 morti in Cina
Ha superato le 3.000 vittime il bilancio dei morti per il coronavirus in Cina, secondo i nuovi dati diffusi dalla Commissione Sanitaria Nazionale. Nelle ultime 24 ore sono stati registrati 31 nuovi decessi e 139 nuovi contagi. Il totale dei positivi nel Paese è ora di 80.409 casi confermati.

Patuanelli in autoisolamento. Il tampone ha dato esito negativo, ma, a quanto apprende l'Adnkronos da fonti autorevoli, il ministro dello Sviluppo economico Stefano Patuanelli è in auto-isolamento al Mise. La misura, del tutto precauzionale, si è resa necessaria dopo l'incontro, risalente al 25 febbraio scorso, con l'assessore lombardo Alessandro Mattinzoli, risultato positivo al Covid-19. Patuanelli, viene spiegato, era stato l'unico ad avere avuto un incontro diretto e di oltre 15 minuti con l'assessore allo Sviluppo economico, nella sala degli arazzi del dicastero. Da qui la decisione, in pieno rispetto con le misure decise dal governo, di autoisolamento, solo per Patuanelli, visto che è l'unico al Mise ad aver avuto un incontro ravvicinato con Mattinzoli. Il ministro sta bene e sta lavorando a pieno regime, ma tiene le sue riunioni in conference call, tanto che oggi non è a Palazzo Chigi dove si stanno decidendo le misure sanitarie di contenimento del Covid-19.

Le parole del premier Conte. «Non è la prima volta che ci troviamo ad affrontare emergenze nazionali, ma siamo un Paese forte, un Paese che non si arrende. È nel nostro Dna. La sfida del coronavirus non ha colore politico, deve chiamare a raccolta l'intera nazione, è una sfida che ha bisogno dell'impegno di tutti». Lo dice il premier Giuseppe Conte in un video su Facebook.

Pe, province di Savona e di Pesaro-Urbino​ a rischio
Le province di Savona e di Pesaro-Urbino sono state aggiunte alle lista del Parlamento Ue delle aree considerate a rischio per il coronavirus. La nota di aggiornamento del Pe aggiunge alla lista anche alcune aree in Francia e Germania che però, si precisa, «non presentano lo stesso livello di rischio» delle altre zone. In ogni caso se negli ultimi 14 giorni si è stati in una delle aree aggiunte, secondo quanto si legge nella nota del Pe, si dovrebbe rimanere a casa per due settimane.

Torna a casa la moglie (incinta) del paziente 1. È ritornata a casa e sta bene la moglie di Mattia, il 'paziente 1', il 38enne di Codogno e la prima persona che è risultata contagiata dal coronavirus in Lombardia. La giovane donna, all'ottavo mese di gravidanza, da quanto ha appreso l'agenzia Ansa, è stata dimessa un paio di giorni fa dall'ospedale Sacco dove era stata ricoverata poiché anche lei risultata positiva, ma asintomatica, al Covid19, e ora dovrà comunque finire il periodo di quarantena. Dall'ecografia a cui è stata sottoposta nell'ospedale milanese anche la bimba che porta in grembo sta bene.

Piacenza, la sindaca positiva. La sindaca di Piacenza, Patrizia Barbieri, 59 anni, è stata contagiata dal Coronavirus. La prima cittadina, che ricopre anche la carica di presidente della Provincia, è risultata positiva al tampone, e si trova in isolamento nella sua abitazione. Ha i sintomi tipici della malattia, febbre alta e tosse, ma le sue condizioni non sono al momento preoccupanti.

Coronavirus, Stefano Patuanelli in autoisolamento al Mise dopo l'incontro con assessore lombardo positivo

Primo morto in Piemonte. Primo morto in Piemonte per coronavirus. si tratta di un ultra ottantenne ricoverato nell'ospedale di Tortona, nell'alessandrino. L'anziano era affetto da pluri patologie ed era risultato positivo al test 'Covid 19'. Ora sono in corso accertamenti per verificare se a causare il decesso sia stato il virus oppure no.

Savona, morto un 72enne. Un uomo di 72 anni , risultato positivo al Coronavirus è morto oggi. Lo comunica in una nota la Asl2 savonese. «Si comunica che oggi, mercoledì 4 marzo, è deceduto un uomo di 72 anni, ricoverato presso l'Ospedale San Paolo di Savona. Il paziente, con un quadro di salute già compromesso, è risultato positivo al test per la ricerca di nuovo coronavirus». La Asl 2 savonese precisa che «sono state attivate tutte le normali procedure operative del caso».  

Terzo morto nelle Marche. Le Marche contano la terza vittima contagiata dal nuovo coronavirus: si tratta di un 85enne di Ancona, affetto da patologie pregresse, ricoverato all'Inrca di Ancona. I casi positivi sono saliti a 84, uno dei quali per la prima volta a Fermo.

Napoli, quattro positivi. La task force della Protezione civile della Regione Campania comunica che nella mattinata di oggi sono stati esaminati in laboratorio, presso il centro di riferimento dell'ospedale Cotugno, 24 tamponi. Quattro di questi sono risultati positivi. Come per tutti gli altri, si attende la conferma ufficiale da parte dell'Istituto Superiore di Sanità.

Francia, 285 casi. Sono 285 i casi confermati di Coronavirus in Francia oggi, con un aumento di 73 rispetto a ieri. Lo ha detto stasera nel consueto punto stampa quotidiano il direttore generale della Sanità, Jerome Salomon. Il bilancio dei morti resta a 4, 15 i pazienti in rianimazione, ha aggiunto.

Usa, 11 morti. Sale ad 11 il bilancio dei decessi legati al coronavirus in America, con la decima vittima nello stato di Washington e la prima in California. Sono i due stati interessati da un numero di casi maggiore.. Complessivamente i casi accertati negli Stati Uniti sono saliti a 139, di cui 33 in California, 29 nello stato di Washington e 6 nello stato di New York. La vittima in California è una persona anziana con una storia di problemi respiratori alle spalle e che si sarebbe ammalata in crociera.

I reali del Belgio rinviano la visita in Italia. Il re e la regina del Belgio hanno rinviato a data da destinarsi la visita di Stato prevista dal 23 al 25 marzo. Lo ha reso noto il Ministero degli affari esteri, precisando che la decisione è stata presa «su richiesta del presidente della Repubblica italiana». «Il Belgio e l'Italia si accorderanno appena possibile su delle nuove date, in modo da permettere di confermare, attraverso questa visita, gli eccellenti rapporti fra i due Paesi», si legge nella nota.

Virus, la mappa genetica. È stata ottenuta in Italia la mappa genetica completa dei ceppi del coronavirus SarsCoV2 in circolazione in Italia. Il risultato è stato ottenuto dal gruppo dell'Università Statale di Milano e dall'Ospedale Sacco, coordinato da Gianguglielmo Zehender, Claudia Balotta e Massimo Galli, lo stesso che aveva isolato i 3 ceppi del virus nell'area di Codogno. Lo rende noto la stessa università. Dalla sequenza genetica emerge la parentela con i virus in circolazione in altri Paesi europei e conferma l'origine dalla Cina. C'è la prima prova che il coronavirus circolava in Italia 'diverse settimane' prima che ci fosse la diagnosi del paziente uno di Codogno. È contenuta nelle 3 sequenze genetiche del virus in circolazione in Lombardia, ottenute dal gruppo di Università Statale di Milano e Ospedale Sacco, coordinato da Gianguglielmo Zehender, Claudia Balotta e Massimo Galli. L'analisi di ulteriori genomi, in corso, potrà fornire stime più precise su ingresso del virus in Italia e possibili vie di diffusione.

Oms: virus si può fermare. Solo con «misure rapide e incisive, i Paesi possono interrompere la trasmissione e salvare le vite». Lo ha sottolineato il direttore generale dell'Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus, in un briefing sul coronavirus. «Questo virus - ha ribadito - non è la Sars, non è la Mers e non è un'influenza: la sua natura ci dà un'opportunità di rompere la catena della trasmissione e contenere la sua diffusione».

LEGGI IL DECRETO

Sospetto caso a bordo: soppresso treno a Udine
Un treno regionale di Trenitalia è stato fermato questo pomeriggio alla stazione ferroviaria di Udine dopo che era stata segnalata a bordo la presenza di una persona probabilmente contagiata dal morbo del Coronavirus. Secondo quanto si è appreso, dal convoglio, fermato dagli agenti della Polfer, sono stati fatti scendere tutti i passeggeri mentre la persona probabilmente affetta dal virus, sarebbe stata portata via in ambulanza. Il treno è stato poi soppresso.

Sospetto caso a bordo, fermato Intercity a Francoforte. Un Intercity è stato fermato a Francoforte per il sospetto che uno dei passeggeri potesse essere portatore del coronavirus. A renderlo noto è stata la polizia locale, precisando che le autorità erano state precedentemente informate del fatto che un uomo che si trovava a bordo del treno Kiel-Stoccarda poteva essere contagiato dal virus. Il treno aveva a bordo 300 passeggeri. A Francoforte il convoglio è stato circondato e isolato dai servizi di emergenza e il sospetto malato isolato e preso in consegna dalle autorità.

Due assessori della Regione Emilia-Romagna contagiati. Positivi al coronavirus due assessori della Regione Emilia-Romagna: si tratta del neo assessore alle Politiche per la Salute, Raffaele Donini, e della neo assessora alla Montagna Barbara Lori. Lo comunica la Regione in una nota. Negativo il presidente Stefano Bonaccini. Già questa mattina gli altri componenti della Giunta sono stati sottoposti al test per il coronavirus. Lori e Donini sono in buone condizioni e si trovano presso le loro abitazioni dove rispetteranno il periodo di isolamento. La prima ad essere risultata positiva è stata l'assessora Lori, che aveva partecipato alla seduta di insediamento della Giunta venerdì scorso. Subito dopo aver appreso la notizia, comunica la Regione, ieri sera tardi, il presidente Stefano Bonaccini, il sottosegretario Davide Baruffi e l'assessore alle Politiche per la Salute, Raffaele Donini, si sono sottoposti al test tampone, per motivi legati all'operatività dell'ente e doverose ragioni precauzionali. In particolare, l'assessore Donini era entrato in più diretto contatto con Barbara Lori nei giorni scorsi. Bonaccini e il sottosegretario Baruffi sono risultati negativi. Positivo, invece, l'assessore Donini. Sia per Lori sia per Donini è in corso di definizione la lista dei contatti avuti nei giorni passati e saranno svolti gli accertamenti sulle persone interessate, contattate direttamente dalle strutture sanitarie competenti territorialmente.

Ipotesi allargamento zona rossa. Clima d'attesa e poche persone in giro nei Comuni di Nembro e Alzano Lombardo, centri della media valle Seriana, nella Bergamasca, dove vivono quasi 25 mila persone. Dopo l'incremento di casi di coronavirus di ieri proprio in provincia di Bergamo, con una crescita di 129 contagi in poche ore, aumentati da 243 a 372, il governo sta valutando la decisione di estendere anche a questi due centri della Bergamasca la 'zona rossà. La decisione è attesa oggi. A Nembro, 11.500 abitanti, tra i contagiati c'è anche il sindaco Claudio Cancelli: lo ha comunicato lui stesso ai cittadini e sta bene. Alzano Lombardo, paese di 13.600 abitanti, ospita invece l' ospedale dove si sono registrati i primi casi della Bergamasca, tra cui un primario che è già stato curato all'ospedale di Legnano e dimesso. I due centri sono confinanti e distano una decina di chilometri dalla città di Bergamo.

Oms: «Carenza globale dispositivi protezione». Nel mondo c'è una carenza di dispositivi protettivi, dalle mascherine ai guanti, dovuta alle conseguenze dell'epidemia di coronavirus, e le aziende dovrebbero aumentare la produzione del 40% per far fronte all'emergenza. Lo scrive l'Oms in un comunicato, in cui sottolinea che a causare l'aumento della domanda ci sono anche fenomeni come l'accaparramento e l'utilizzo errato. Questi dispositivi, sottolinea la nota, sono necessari al personale sanitario per proteggere se stessi e gli altri dalle infezioni, ma le carenze stanno lasciando i medici e gli infermieri sguarniti per far fronte all'epidemia. Secondo i calcoli dell'Organizzazione, ad esempio, ogni mese servirebbero 89 milioni di mascherine per la risposta al Sars-CoV-2, mentre per i guanti la cifra aumentata a 76 milioni. Per far fronte alla domanda crescente le aziende dovrebbero aumentare la produzione del 40%. «Senza le forniture - afferma il direttore generale dell'OmsTedros Adhanom Ghebreyesus - il rischio per gli operatori in tutto il mondo è reale».

Riunione a Palazzo Chigi su decreto. È appena iniziata a Palazzo Chigi la riunione tra il premier Giuseppe Conte e i ministri sull'emergenza Coronavirus. Sul tavolo, misure più stringenti di sanità pubblica che dovrebbero essere adottate già da lunedì prossimo. Nel corso della riunione si discuterà anche delle misure economiche per fronteggiare i contraccolpi del Covid-19 e che oggi saranno al centro dell'incontro con le parti sociali, in programma alle 16. Le raccomandazioni messe a punto dal comitato tecnico scientifico voluto da Conte sono rivolte a tutti gli italiani e prevedono, tra le altre cose, manifestazioni sportive a porte chiuse per trenta giorni, stop ai congressi e ai convegni, anziani in casa, evitare i luoghi affollati, restare a casa anche con qualche linea di febbre seppur non ci siano motivi di sospettare di aver contratto il Covid-19. Evitare abbracci e strette di mano. Insomma, una stretta delle raccomandazioni per contenere quanto più possibile la diffusione del contagio. Sul fronte economico è allo studio il decreto, che con ogni probabilità verrà varato solo la settimana prossima, con il quale il governo sta pianificando di sforare il tetto del 3% nel rapporto deficit-Pil, chiedendo flessibilità all'Ue per 3,6 miliardi, pari allo 0,2% di Pil, seppur alcune forze politiche, in primis il M5S, chiedano uno sforzo più cospicuo. Le misure economiche riguarderanno soprattutto la sanità, gli ammortizzatori sociali e gli aiuti ai settori economici -vedi il turismo- penalizzati dalla crisi.

Primo caso nelle istituzioni Ue. Primo caso di Coronavirus nelle istituzioni Ue. Il sito d'informazione Euractiv ha visto una mail dell'Agenzia di difesa europea (Eda) che conferma il caso di un dipendente risultato positivo al Covid-19 ed ha quindi cancellato tutte le riunioni presso la sua sede fino al 13 marzo, per precauzione. L'Eda ha anche deciso di cancellare tutti gli incontri esterni del suo staff, sempre fino al 13 marzo. Secondo una fonte citata da Euractiv, il funzionario contagiato era tornato da un viaggio in Italia la scorsa settimana, ed aveva manifestato i primi sintomi il 29 febbraio. Anche un collega dello staff militare del servizio di azione esterna (Eeas), con sintomi simili, è in attesa dei risultati del test.

Nuovo caso a Roma, donna positiva a Campus Bio-Medico. Una donna è stata trovata positiva al coronavirus al Campus Bio-medico di Roma. La donna è stata trasferita allo Spallanzani già nella serata di ieri. 

Coronavirus a Roma, donna positiva al Campus Bio-Medico: trasferita allo Spallanzani con febbre e polmonite

Napoli-Inter, si va verso il rinvio. Napoli-Inter, semifinale di ritorno di Coppa Italia, verso il rinvio al 20 maggio prossimo per l'emergenza coronavirus. È questo l'orientamento della Lega calcio di serie A, la cui assemblea straordinaria è in corso al salone d'onore del Coni. La partita era in programma domani sera al San Paolo con 40.000 biglietti già venduti. Il nuovo calendario della Coppa Italia prevederebbe entrambe le semifinali il 20 maggio con finale ad agosto. La finale di Supercoppa si giocherebbe, quindi, a dicembre.

Coronavirus, Napoli-Inter verso il rinvio: le semifinali di Coppa Italia si giocherebbero il 20 maggio

Nave in isolamento a Genova. Controlli sul coronavirus con momentaneo isolamento per una nave con 50 marittimi a bordo attraccata alle riparazioni marittime di Genova, la Gnv Rhapsody. Da quanto si apprende dalla Capitaneria di Porto l'Usmaf ha comunicato che un passeggero sbarcato a La Goulette in Tunisia il 27 febbraio era risultato positivo al virus e sono state quindi disposte misure preventive in attesa che finisca il ciclo delle verifiche sanitarie.

Per il turismo perdite sopra i 7 miliardi. Il coronavirus manda a picco il turismo. Nel prossimo trimestre, 1 marzo - 31 maggio, sono previsti 31,625 milioni di turisti in meno in Italia, con una perdita di 7,4 miliardi di euro, secondo i nuovi calcoli di Confturismo-Confcommercio alla luce dell'evoluzione dell'ultima settimana dell'epidemia. «La situazione è drammatica per tutto il comparto»,afferma il presidente di Confturismo-Confcommercio, Luca Patanè. «Purtroppo stiamo pagando le conseguenze di una comunicazione mediatica molto più letale del virus»

Positivi 14 lodigiani in quarantena in India. Quattordici dei 21 lodigiani in quarantena da ieri in una struttura militare a Delhi sono risultati positivi al test del COVINd-19: lo ha detto all'agenzia di stampa France Presse una fonte che ha voluto mantenere l'anonimato. Il gruppo di turisti era in viaggio in India dalla fine di febbraio, assieme ai due coniugi già risultati affetti dal virus e ricoverati in isolamento due giorni fa a Jaipur.

Coronavirus, per il 730 scadenza a settembre. Via alla lotteria degli scontrini

Paziente in rianimazione a Livorno. Un livornese di circa 50 anni con un tampone positivo al coronavirus Covid19, in attesa di validazione da parte dell'Istituto superiore di sanità, si trova ricoverato in isolamento nel reparto di rianimazione dell'ospedale di Livorno in condizioni critiche. Lo comunica l'Azienda Usl Toscana Nord Ovest. L'uomo, spiega l'Asl, si era presentato autonomamente al pronto soccorso. Tutti gli operatori del reparto che sono entrati in contatto con lui sono stati posti in quarantena preventiva. L'Igiene pubblica sta lavorando per individuare eventuali altri soggetti che nei giorni precedenti devono essere stati in contatto con l'uomo. Il sindaco di Livorno, Luca Salvetti, a seguito della notizia del primo caso di coronavirus in città, fa sapere che si è aperta l'Unità di Crisi. «Adesso con la vicesindaco Monica Mannucci, l'assessore Raspanti, i dirigenti e i funzionari siamo in Comune in attesa di informazioni per avviare le eventuali procedure che la Asl riterrà necessarie e per attuare il piano di emergenza alla luce del nuovo caso», informa il sindaco.

Toscana, 19 nuovi casi. Sono 19 i nuovi casi positivi al Coronavirus registrati tra ieri sera e oggi in Toscana. Salgono così a 38 i casi totali nella regione. In particolare ci sono stati 7 nuovi casi nel territorio della Asl Sud Est (Arezzo, Siena, Grosseto), tra cui un undicenne, secondo bambino in Toscana risultato positivo, sei in quella della Asl Nord Ovest (Lucca-Pisa-Livorno-Massa Carrara), con una persona ricoverata in rianimazione a Livorno, sei in quella centro (Firenze, Prato, Pistoia). Sempre oggi sono stati dimessi tre pazienti ricoverati due a Firenze e uno a Prato: sono tutti andati in isolamento domiciliare. Dal monitoraggio giornaliero risulta inoltre che in Toscana ci sono a oggi 1.027 persone in isolamento domiciliare di cui 488 prese in carico attraverso i numeri dedicati, attivati da ciascuna Asl.

Coronavirus, a Livorno positivo un cinquantenne: «È in rianimazione, condizioni critiche»

Nuovo caso a Vasto. Un uomo di Vasto, in provincia di Chieti, attualmente ricoverato in isolamento all'ospedale San Pio, è risultato positivo al Covid 19 dal test eseguito nel laboratorio di riferimento regionale di Pescara. Il campione è stato inviato all'Istituto Superiore di Sanità per le controanalisi. Lo comunica il Servizio Prevenzione e Tutela della Salute della Regione Abruzzo.

Coronavirus, caso positivo a Vasto: ecco il quadro aggiornato in Abruzzo
 

 

Ultimo aggiornamento: 5 Marzo, 07:47 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani