CORONAVIRUS

Coronavirus, Lopalco: «Siamo seduti su una polveriera, catene contagio ancora aperte»

Lunedì 30 Marzo 2020
Pierluigi Lopalco

«Sicuramente quello cui stiamo assistendo è un rallentamento nella corsa del virus. Però le catene di contagio sono aperte. Stiamo seduti su una polveriera e basta accendere la miccia e la polveriera scoppia. È giusto avere un moderato ottimismo e vedere la famosa luce in fondo al tunnel però, stiamo attenti, questo non significa che possiamo uscire di casa e far finta che nulla sia successo».

Coronavirus, Conte a El Pais: «Riaperture in termini proporzionali, il picco è vicino»

Lo ha detto Pierluigi Lopalco, ordinario di Igiene all'Università di Pisa e responsabile del coordinamento regionale emergenze epidemiologiche dell'Agenzia regionale strategica per la salute e il sociale della Regione Puglia, nel corso di una intervista a Radio 24, a proposito del raggiungimento del picco di casi di positività al covid-19 (Coronavirus).

«Su cosa intendiamo per picco - ha spiegato - dovremmo rivolgerci ai dizionari. La curva epidemica sta rallentando - ha aggiunto Lopalco - ciò significa che ogni giorno si notifica un alto numero di casi ma leggermente inferiori a quelli del giorno precedente. Dal punto di vista strettamente epidemiologico è un buon segno. Però attenzione, perché i casi che si registrano sono ancora tantissimi, quindi le catene di contagio sono ancora aperte, c'è ancora in giro tanta gente infetta che sta infettando gli altri e tutti questi altri a loro volta possono infettare altri ancora». 

Ultimo aggiornamento: 09:50 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani