CORONAVIRUS

Coronavirus, il commissario Arcuri: «Imploriamo tutti gli italiani di rispettare le regole»

Martedì 24 Marzo 2020
Coronavirus, il commissario Arcuri: «Imploriamo gli italiani di rispettare le regole»

Il commissario Domenico Arcuri, sull'ermergenza coronavirus, non ha dubbi: «Tutti i cittadini stanno facendo enormi sacrifici, li ringrazio, ma non basta, bisogna essere chiari: è davvero importante attenersi alle prescrizioni che il governo ha dato, sapendo che sono difficili, inusuali, quasi non contemporanee. La stragrande maggioranza le rispetta, imploriamo di rispettarle a tutti gli italiani. Dobbiamo fare in modo che emergenza non si diffonda in regioni dove finora è stata contenuta la sua portata, con l'aiuto degli italiani di quelle regioni, ma non solo». E ancora: «Saranno inviati nelle prossime 72 ore, quasi certamente domani il primo contingente, 300 medici negli ospedali più in difficoltà. Con una nuova ordinanza trasferiremo su base volontaria 500 infermieri nelle zone con più alto numero di malati Covid 19». E dà speranza: «L'Italia sarà il primo paese ad uscirne».

Coronavirus, cambia ancora modulo autocertificazione

Coronavirus, l'infettivologo: «Attenti anche ai comportamenti in casa»

Poi, ha proseguito: «Dobbiamo garantire più macchine, più posti letto, più personale: dobbiamo implementare una rivoluzione del nostro sistema sanitario». Oggi saranno distribuiti 135 ventilatori per le terapie intensive e ieri ne sono stati distribuiti 121. «Siamo passati da 13 a 73 ventilatori distribuiti al giorno. Sono ancora pochi e confidiamo che i numeri possano rapidamente crescere». I posti di terapia intensiva sono passati da 5.343 posti a 8.370, con un aumento del 60%. Arcuri ha anche detto che «8 milioni di mascherine Ffp2-3 e 6 milioni di mascherine chirurgiche alla settimana dal 29 marzo arriveranno dalla Cina, i nostri aerei andranno a ritirare il materiale laddove si trova. Ciò grazie al lavoro dei ministri degli Esteri e della Difesa».
 

 

Ultimo aggiornamento: 13:19 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Zero pubblico, il Bioparco pensa ai fondi

di Marco Pasqua