CORONAVIRUS

Coronavirus, Borrelli: «Vacanze? Nessuno può rispondere ora»

Martedì 14 Aprile 2020
​Coronavirus, Borrelli: «Task force al lavoro con grande impegno»

Il lavoro della task force sul coronavirus prosegue. E le vacanze? «Non so rispondere a questa domanda, ma non credo che nessuno sappia rispondere in questo momento sulle vacanze». Così il capo della Protezione Civile Angelo Borrelli ha risposto a chi gli chiedeva se fosse giusto in questo momento prenotare per le vacanze estive.

«La task force sta lavorando con grande impegno ma non posso dire alcunché, non sarebbe corretto, sarà il presidente della task force decidere quando e come dire qualcosa». Così il capo della Protezione Civile Angelo Borrelli ha risposto a chi gli chiedeva della riunione in videoconferenza della task force presieduta da Colao con il premier Giuseppe Conte. «Il nostro lavoro è a disposizione del governo - ha concluso - e sarà l'esecutivo a prendere le decisioni».

LEGGI ANCHE --> Coronavirus, in Lombardia contagi in calo. Solo 49 nuovi ricoveri, frenano casi a Milano

«Il 70% dei positivi è in isolamento domiciliare». Lo ha detto il capo della Protezione Civile Angelo Borrelli nel corso del punto stampa quotidiano.

I migranti che arriveranno nei prossimi giorni in Italia dovranno fare la «quarantena o a bordo di una nave o in strutture a terra». Lo ha detto il capo della Protezione Civile Angelo Borrelli in merito al caso della Alan Kurdi sottolineando che «si sta ancora valutando la situazione» e al momento non è ancora stata individuata una soluzione dal capo del dipartimento delle Libertà civili e immigrazione del Viminale, il prefetto Di Bari, nominato soggetto attuatore. soggetto attuatore. 

Colgo l'occasione per ricordare quanto sia importante il tema della disabilità e voglio sottolineare che la Protezione civile è accanto ai disabili anche in questa emergenza». Lo ha detto il capo della Protezione Civile Angelo Borrelli.
 

Ultimo aggiornamento: 18:54 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani