CORONAVIRUS

Coronavirus, Bergamo senza medici e infermieri: camere mortuarie piene, salme in chiesa

Giovedì 12 Marzo 2020
Coronavirus, Bergamo senza medici e infermieri: appello per far tornare al lavoro quelli in pensione

Coronavirus, a Bergamo l'Agenzia di tutela della salute cittadina lancia un appello per cercare medici e infermieri in pensione. Emergenza coronavirus: AAA cercasi personale in pensione all'Ats di Bergamo. «Infermieri e medici in primo luogo, poi psicologi e altri professionisti della sanità.

Coronavirus, a rischio 200mila occupati nel sociale

Coronavirus, a Roma metro verso chiusura alle 21. Ridotte anche le corse dei bus

C'è bisogno di tutti in questo momento. Per questo come Agenzia di Tutela della Salute ci rivolgiamo ai bergamaschi in pensione e che hanno voglia di mettersi a disposizione con la propria professionalità per quel senso di appartenenza e di solidarietà che è nel Dna della nostra gente». È l'appello di Massimo Giupponi, direttore dell'Agenzia di Tutela della Salute, per rinforzare le fila della sanità bergamasca in questo «difficile momento». «Abbiamo aperto l'indirizzo di posta elettronica iocisono ats-bg.it a cui inviare il proprio curriculum vitae - spiega Giupponi - Chiediamo a chi si candida di specificare nell'oggetto la propria professionalità: medico, infermiere, psicologo o altro ancora, al fine di agevolare la selezione dei curricula e il conseguente 'reclutamento' dei vari professionisti».
 

 
 
Chiesa come camera mortuaria. Anche la chiesa di Ognissanti del cimitero di Bergamo è stata trasformata in una grande camera mortuaria: la struttura religiosa, chiusa come il cimitero monumentale, ospita infatti una quarantina di bare in attesa di cremazione. Sono state fatte confluire lì - spiega oggi il Corriere della Sera - perché le camere mortuarie degli ospedali bergamaschi sono ormai piene, come lo è anche la stessa camera mortuaria del cimitero di Bergamo. Del resto l'ultimo dato vede la città di Bergamo a quota 1.815 contagi, con un numero di decessi pari a 142. L'ordinanza del sindaco Giorgio Gori parla di «ricevimento e custodia temporanea di feretri provenienti da strutture sanitarie cittadine o provinciali». E anche il forno crematorio lavora ormai nell'arco delle ventiquatt'ore, mentre gli uffici comunali sono affollati quasi solo dagli addetti delle onoranze funebri che devono registrare i decessi. A Bergamo, dunque, il coronavirus spaventa più che mai. Nella sola città di Bergamo i morti totali sono stati 18 sabato, 44 tra domenica e lunedì, 33 martedì e 51 ieri: 146 in 5 giorni. Ora l'attesa per le cremazioni è di cinque giorni. Ovviamente non vengono celebrati funerali.
 

Ultimo aggiornamento: 18:13 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Zero pubblico, il Bioparco pensa ai fondi

di Marco Pasqua