CORONAVIRUS

Coronavirus, bambino di 20 giorni tra i 372 casi a Bergamo. Provincia a rischio, ipotesi zona rossa

Martedì 3 Marzo 2020
Coronavirus, bambino di 20 giorni tra i 372 casi a Bergamo. Provincia a rischio, ipotesi zona rossa

Coronavirus, c'è anche un neonato di appena 20 giorni tra i 372 contagiati della provincia di Bergamo che ha registrato nelle ultime ore un picco con 129 nuovi casi. Un dato che supera anche quello della zona rossa del lodigiano, fermo a più 98 casi mentre nell'intera regione sono ormai 1.520 le persone positive con 698 pazienti ospedalizzati, 167 in terapia intensiva, 461 in isolamento domiciliare. 55 i deceduti. Numeri che, spiega l'assessore regionale al Welfare Giulio Gallera, rivelano come «la patologia stia incrementando in maniera costante». 

Coronavirus, Toti: 25 casi in Liguria 
 

Bergamo, il neonato respira autonomamente

Il piccolo paziente, ricoverato all'ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo e risultato positivo al coronavirus «non è in una situazione particolarmente compromessa - ha spiegato l'assessore regionale al Welfare Giulio Gallera, durante la conferenza stampa in video collegamento per fare il punto sulla situazione del Coronavirus - è ricoverato in patologia neonatale, in isolamento. Respira autonomamente, è sotto osservazione ma non in una situazione particolarmente difficile». Se le notizie sulle condizioni del piccolo non sono preoccupanti, molto grave è invece la situazione nel bergamasco, in particolare nell'area tra i comuni di Alzano Lombardo e Nembro, alle porte della città. 

Coronavirus, Macron requisisce la produzione di mascherine: «Sarà lo Stato a distribuirle»

Lo stesso sindaco di Nembro, Claudio Cancelli, il primo marzo ha pubblicato un video su Facebook per informare i concittadini della sua positività al virus. Si tratta della stessa zona di residenza del 71enne, positivo al virus, fuggito dall'ospedale Sant'Anna di Como per tornare a casa in taxi a Casnigo. Quest'area della provincia di Bergamo potrebbe diventare così la seconda zona rossa della Lombardia. «La crescita dei contagi in provincia di Bergamo impone una riflessione dei tecnici - spiega Gallera -. Se ci dicono che l'unico modo è di istituire un'altra zona rossa, ne prendiamo atto. A noi interessa la salute dei cittadini. È un dato oggettivo che in quell'area oggi il numero dei contagi è uno dei più alti. Abbiamo chiesto ai tecnici di fare valutazione e di suggerire interventi».

Coronavirus, le nuove regole: distanza di 2 metri, no a baci e strette di mano, anziani a casa
 


Coronavirus, MIT e Protezione civile convocano tavolo tecnico su trasporti e logistica

Consola, parzialmente, la notizia che all'ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo sono stati dimessi, perché guariti, quattro pazienti che erano stati ricoverati una decina di giorni fa. «Abbiamo 26 malati di coronavirus a San Giovanni Bianco e 126 al Papa Giovanni - è stato spiegato durante una conferenza stampa dei medici - questo non significa che sono tutti in terapia intensiva che, al momento, ha 25 posti letto, con altri 12 in terapia subintensiva». I pazienti ricoverati sono di età «compresa tra i 50 e i 75 anni. Non abbiamo aumentato i letti, che sono e restano circa mille: abbiamo però liberato delle aree, soprattutto di Chirurgia e di Terapia intensiva. Una buona parte della capacità organizzativa dell'ospedale di Seriate, come da indicazione regionale, sarà dedicata ai nostri pazienti malati di coronavirus».

Ultimo aggiornamento: 4 Marzo, 07:59 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani