Strage Corinaldo, si indaga anche sui biglietti: «1.400 per 469 posti»

Domenica 9 Dicembre 2018
2
Strage Corinaldo, si indaga anche sui biglietti: «1.400 per 469 posti»
Da un lato l'ipotesi di omicidio colposo plurimo, per le violazioni delle norme di sicurezza, a partire dal consistente 'gap' tra capienza della discoteca e biglietti venduti: il triplo. Dall'altro quella di omicidio preterintenzionale a carico di chi ha spruzzato spray urticante al peperoncino scatenando il panico nella 'Lanterna Azzurrà di Corinaldo in occasione del dj set di Sfera Ebbasta, provocando la fuga verso l'uscita. Un fuggi fuggi concluso con la morte di sei persone, cinque giovanissimi (tre ragazze e due ragazzi) e una 39enne madre di quattro figli.

LEGGI ANCHE Strage Corinaldo, sui social la foto di un ragazzo con la mascherina: «Chi lo riconosce parli»



Sono questi i due fronti dell'inchiesta, per ora senza indagati, che Procura di Ancona e Procura Minorile delle Marche, coordinate dal Pg Sergio Sottani, hanno avviato sulla tragedia che ha provocato anche una sessantina di feriti, di cui sette in pericolo di vita. Gli investigatori procedono con cautela per ricostruire con precisione l'accaduto. Già sentite e identificate dai carabinieri del Nucleo investigativo del Reparto operativo di Ancona, un centinaio di persone, potenziali testimoni di ciò che è successo. Ascoltati anche tre amministratori del locale. Gli inquirenti parlano di un «atto dovuto» che però potrebbe preludere presto a una formale iscrizione nel registro degli indagati per omicidio colposo plurimo. Un atto che, anche per questioni tecniche, potrebbe essere «imminente».

 
 

Una delle questioni su cui maggiormente si è concentrata l'attenzione dei magistrati è la differenza tra biglietti staccati - poco meno di 1.400 - e la capienza dell'unica sala che sarebbe stata utilizzata per la serata, con 469 posti. Ma vi sono anche altri interrogativi sollevati dalle indagini. Riguardano l'idoneità della struttura a ospitare il tipo di evento in programma e le misure di sicurezza della discoteca, frequentata da giovanissimi provenienti non solo dalle Marche, e raggiunta anche con pullman organizzati.

Il secondo principale fronte delle indagini è relativo alla causa scatenante della situazione di «panico generale» segnalata da molti presenti, scappati verso l'uscita d'emergenza dopo che l'aria si era fatta irrespirabile a causa dello spray urticante. Nel locale è stata trovata una bomboletta di spray al peperoncino sulla quale sono in corso accertamenti. Nel mirino degli investigatori sarebbe in questo caso finito un minorenne. Non è ancora chiaro però il 'moventè dell'azione. Un (pessimo) scherzo? Un 'escamotagè per creare disordine e borseggiare? La reazione a una molestia? Un 'rito' che da tempo si ripete tra il pubblico di vari spettacoli o eventi musicali? Un dispetto a Sfera? Tutti possibili scenari che gli inquirenti stanno ancora verificando. Anche perché dai racconti dei presenti, piuttosto provati dalla tragedia, non è semplice capire cosa sia avvenuto.

 
«La discoteca non ha telecamere interne che hanno ripreso cosa sia successo - segnala il comandante provinciale di Carabinieri di Ancona Cristian Carrozza -, per questo facciamo appello a chi c'era e ha filmati, di portarli ai carabinieri. Ci sono già molte mamme che hanno raggiunto le caserme per farli vedere. Ogni dettaglio può essere importante per le indagini». Ultimo aggiornamento: 09:46 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Il senso del Papa al Messaggero

Colloquio di Virman Cusenza e Alvaro Moretti