Concorsi per dirigenti sanitari truccati: 25 indagati. C'è anche un professore universitario

Martedì 20 Novembre 2018
1
Concorsi truccati per incarichi universitari e professioni sanitarie: questa l'accusa mossa nell'ambito di un'indagine del Nas di Torino che ha portato ad indagare 25 persone. I militari del Nas carabinieri di Torino, nella provincia capoluogo e in quella di Cuneo, al termine dell'indagine «Sanitopoli», hanno eseguito 23 decreti di perquisizione locale e contestuale sequestro emessi dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Torino nei confronti dei 25 indagati ritenuti responsabili, a vario titolo, dei reati di corruzione, turbata libertà del procedimento di scelta del contraente e falso ideologico in atti pubblici. L'indagine è partita da accertamenti su sospette certificazioni mediche (poi rivelatesi false) riferite ad un funzionario pubblico, già interessato da un altro procedimento penale, la cui diagnosi specialistica gli consentiva di beneficiare della pensione d'invalidità di 280 euro mensili, poi revocata in seguito a visita medica straordinaria dell'Inps Piemonte. Le successive attività investigative si sono estese ad altre figure quali psicologi e dirigenti medici, tra cui professori universitari associati, ordinari e ricercatori della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell'Unito (Università degli Studi di Torino) e di strutture sanitarie quali la Città della Salute e della Scienza di Torino e l'Azienda Ospedaliera Universitaria San Luigi Gonzaga di Orbassano. 

Dall'indagine, fa sapere il Nas, è emerso «un sistema clientelare fondato da reciproche concessioni» per ottenere «agevolazioni e/o raccomandazioni nelle procedure d'indizione concorsuale per l'assegnazione di ruoli medici dirigenziali delle specialità di Psichiatria e Psicologia Clinica». Secondo l'accusa, il bando veniva
cucito sulla base delle caratteristiche dei candidati «preventivamente designati come vincitori» proprio per «limitare la sfera di partecipanti e assicurare la scelta del favorito». In altri casi venivano anticipate ai «candidati prescelti le domande alle quali sarebbero stati sottoposti in sede concorsuale». 

Il ruolo centrale del sistema illecito è stato individuato, secondo l'accusa, in un noto professore del Dipartimento di Neuroscienze dell'Università al quale si rivolgevano studenti, psicologi e dirigenti medici al fine di ottenere agevolazioni nei concorsi o rinnovi di assunzioni nelle strutture cliniche nosocomiali universitarie. Nel mirino del Nas sono finite «sei selezioni tra bandi di concorso per l'assunzione di personale medico strutturato, borse di studio, bandi per l'ingaggio annuale di liberi professionisti e per l'arruolamento di personale medico ambulatoriale». L'attenzione dei carabinieri del Nas prosegue su altri concorsi, relativamente ai quali sono stati acquisiti i relativi atti, potenzialmente gestiti nello stesso modus operandi di quelli oggetto di indagine.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Botte per buttare i sacchetti e le dispute rabbiose sul web

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma