Il caimano Jack sparisce dal circo, allarme in Sardegna. Il titolare: «È un furto, vale 5.000 euro»

Martedì 20 Agosto 2019
Il caimano Jack sparisce dal circo, allarme in Sardegna. Il titolare: «È un furto, vale 5.000 euro»

Il caimano Jack è sparito nel nulla dal circo Martin installato a Orosei, sulla costa centro orientale della Sardegna, verosimilmente nella notte tra domenica e lunedì scorsi. Da allora, del coccodrillo nato in cattività e lungo poco più di un metro, non si ha più notizia. Stupore, paura ma anche tanta ironia tra i cittadini del paese e i turisti che affollano le spiagge di Sos Alinos, dove era stato piazzato il tendone. «Ma come fa il coccodrillo a fuggire dal circo?», è la domanda ricorrente sui social. 

LEGGI ANCHE Bimbo di dieci anni attaccato e divorato da un coccodrillo davanti ai fratelli più piccoli

Alle 15 di ieri il titolare della carovana, che stamattina si è trasferita a Tortolì, in Ogliastra, ha sporto formale denuncia ai Carabinieri per furto. «È impossibile che il caimano possa essere scappato da solo. Ho denunciato la cosa anche per preservare l'incolumità delle persone: è un animale in cattività che se non viene gestito bene può far male - spiega all'ANSA Eusanio Martino, proprietario del Martin - Ieri mi sono accorto dell'assenza intorno alle 15: ho visto la teca spalancata, mancava il lucchetto. 

La teca era all'interno di un semi-rimorchio coibentato, chiuso, impossibile andarsene da lì. Ma ammettiamo pure che sia riuscito ad uscire, non avrebbe fatto molta strada senza acqua e con le alte temperature di questi giorni. Abbiamo cercato ovunque ma non c'era. Non ho idea su chi abbia potuto fare un gesto del genere. Il caimano ha un valore molto alto, sui 5mila euro, ma potrebbe averlo rubato qualcuno per disperazione e per venderlo sotto costo, intorno ai 500 euro». I militari della Compagnia di Siniscola hanno subito avviato le indagini e intensificato i controlli. Sul posto a dare supporto sono arrivati anche gli esperti del Centro Anticrimine dei Carabinieri forestali. Le ipotesi sulla sparizione dell'alligatore sono tutte aperte: furto, fuga, un blitz animalista o la volontà di qualche circense di volersi disfare del rettile perché costa troppo mantenerlo.

La notizia viaggia sotto traccia fino alla tarda serata di ieri quando l'amministrazione comunale di Orosei pubblica un post su Facebook per mettere in guardia i cittadini e i turisti che si trovano in quella zona: «Siete invitate a segnalare ogni ipotetico avvistamento alle forze di Polizia», è la raccomandazione del sindaco. In mattinata la vicenda assume i contorni di un giallo. In molti non credono al furto e pensano a un blitz degli animalisti per liberare l'alligatore: più volte il circo Martin era finito sotto la lente della Lav per maltrattamenti nell'impiego degli animali. «Un'ipotesi piuttosto inverosimile quella di attribuire la responsabilità agli animalisti», dice l'Enpa in un appello in cui chiede di non uccidere il caimano, ma di recuperarlo in sicurezza e affidarlo a un santuario. Quanto alla pista del furto, non sembra convincere neanche gli esperti. «Risulta difficile capirne il motivo non essendoci un mercato, se non in maniera molto limitata, per questi animali esotici - precisa all'ANSA il comandante del Corpo Forestale della Sardegna Antonio Casula - La ragione più plausibile può essere che ci sia qualche appassionato». Le ore passano e tra poco andrà in scena il primo spettacolo del circo Martin a Tortolì. Ma il caimano Jack non ci sarà.

Ultimo aggiornamento: 20:08 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma, istrice gigante a spasso su Lungotevere: la Capitale sempre più bestiale

di Veronica Cursi

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma