CLAI dona oltre 5.200 pasti al giorno con il Banco Alimentare: 590mila in poco più di 3 mesi

CLAI dona oltre 5.200 pasti al giorno con il Banco Alimentare
3 Minuti di Lettura
Venerdì 9 Aprile 2021, 16:40

In un periodo di profonda crisi che sta colpendo milioni di italiani, è necessario uno sforzo supplementare da parte delle aziende per cercare di offrire un po’ di sollievo a chi versa in situazioni di particolare difficoltà. CLAI, la grande cooperativa agroalimentare di Imola, ha trovato nel Banco Alimentare il partner ideale per dare il via a una grande iniziativa solidale che in poco più di tre mesi ha consentito di distribuire 590mila pasti in tutta Italia.

Le consegne sono iniziate a dicembre 2020 e si sono concluse in occasione del 59esimo compleanno CLAI in marzo. I volontari del Banco Alimentare hanno distribuito oltre 5.200 porzioni di cibo al giorno (ognuna contenente 500 grammi di alimenti, come da stima della European Food Banks Federation). Un piccolo conforto che si rivela particolarmente prezioso in un periodo in cui il totale delle famiglie che vivono in povertà assoluta, lo rivela l’Istat, è pari a oltre due milioni, il 7,7% del totale. Se si considerano i singoli individui, invece, il numero arriva a circa 5,6 milioni. A rendere ancora più cupo lo scenario è il fatto che questi dati, nell’anno segnato dalla pandemia, sono il risultato di un trend in forte crescita.

I Lions di Perugia vanno in aiuto di cinquantadue famiglie in difficoltà

«Quando penso a questa splendida iniziativa che abbiamo realizzato con gli amici del Banco Alimentare per celebrare il cinquantanovesimo compleanno di CLAI – spiega Pietro D’Angeli, Direttore Generale di CLAI –, la prima cosa che mi viene in mente è un grande senso di gratitudine: desidero ringraziare davvero tutti gli italiani che hanno contribuito alla riuscita dell’iniziativa acquistando la Salsiccia Stagionata Passita CLAI. In un periodo particolare come quello che stiamo attraversando, ogni gesto di attenzione che possa offrire un po’ di sollievo alle famiglie diventa ancora più importante. Bisogna ragionare e lavorare sempre più in un’ottica di comunità solidale e inclusiva, all’interno della quale tutti si sentano coinvolti e possano fare la loro parte, prendendosi cura gli uni degli altri, “dando” o “ricevendo” a seconda delle situazioni e dei momenti». 

A fornire un contributo decisivo alla riuscita dell’iniziativa, oltre alla filiera distributiva, sono stati infatti gli stessi consumatori CLAI, che hanno potuto partecipare a questo gesto di solidarietà semplicemente acquistando la Salsiccia Stagionata Passita, uno dei prodotti più conosciuti e apprezzati della food company imolese.

Torino, delivery sociale per mille indigenti grazie al progetto di Clara e Gigi Padovani

© RIPRODUZIONE RISERVATA