Torna Christian Expò, la grande fiera cristiana al Teatro Palapartenope di Napoli

Mercoledì 3 Luglio 2019
Nuove esperienze da condividere, differenti spunti di riflessione, una mostra sulla Bibbia unica nel suo genere. Una visione internazionale sui temi condivisi dalla comunità e un coro gospel di 250 componenti, provenienti, manco a dirlo, direttamente dagli Stati Uniti. A distanza di due anni dalla prima edizione, è tutto pronto per il secondo appuntamento con Christian Expò, la grande fiera cristiana che si terrà a Napoli il 19 e 20 luglio, presso il Teatro Palapartenope, e che vedrà riuniti tutti i ministeri, le associazioni e le organizzazioni del mondo evangelico italiano ed internazionale. Un evento che sarà presentato la prossima settimana al Senato (mercoledì 10 luglio, alle 15, presso la Sala dei Caduti di Nassiriya) e che nell’edizione del 2017 vide la partecipazione di oltre 5.000 persone, con circa 120 stand espositivi.

La presentazione al Senato. Dopo i saluti del senatore Lucio Malan, in scaletta l’intervento introduttivo del giornalista Mediaset Claudio Brachino, direttore di Videonews, e, a seguire, prenderanno la parola diversi membri del Comitato del Christian Expò: Marco Palma, John Tufaro, Giuseppe Scarallo, Antonio Morra, Giovanni Tagliaferri, Vincenzo Abbate, Luigia Palmieri e Ludovico Albano. Le conclusioni verranno affidate all’ex calciatore Nicola Legrottaglie. Inoltre, Gaetano Sottile introdurrà il video-saluto del deputato del Congresso americano Louie Gohmert e del direttore del Coro della “Green Acres Baptist Church” del Texas, Mike Parks, che guiderà nelle celebrazioni serali della grande fiera evangelica di Napoli. 

La “mission” evangelica di Christian Expò. «Questa seconda edizione si amplia ed arricchisce. Assume una connotazione internazionale, ma rimane la stessa visione e lo stesso spirito di due anni fa: far conoscere l’incredibile lavoro sociale e spirituale che gli evangelici promuovono in tutta Italia». A delineare la “mission” di Christian Expò, a nome degli organizzatori, è Alessandro Iovino, pronto a rimarcare: «Predichiamo unità e non uniformità. Nel definire cosa ci può unire abbiamo pensato che c’è un riferimento che vale oltre ogni differenza: la Bibbia. A questo Libro abbiamo dedicato una mostra speciale e lanceremo un documentario esclusivo realizzato con il Museo della Bibbia di Washington. Una ragione in più per invitare tutti i credenti, ma anche semplici curiosi, a prendere parte a questo appuntamento speciale». © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Vacanze con i figli: ostaggi della trap in auto e pure delle dritte degli youtuber

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma