CORONAVIRUS

Chiese, ingresso contingentato e distanza di sicurezza di almeno un metro e mezzo

Venerdì 12 Giugno 2020 di Rosario Dimito e Franca Giansoldati
Chiese, ingresso contingentato e distanza di sicurezza di almeno un metro e mezzo

L’accesso alla chiesa, in questa fase di transizione, resta contingentato e regolato da volontari e/o collaboratori che - indossando adeguati dispositivi di protezione individuale, guanti monouso e un evidente segno di riconoscimento - favoriscono l’accesso e l’uscita e vigilano sul numero massimo di presenze consentite. Laddove la partecipazione attesa dei fedeli superi significativamente il numero massimo di presenze consentite, si consideri l’ipotesi di incrementare il numero delle celebrazioni liturgiche.

Fase 3 Dpcm, retromarcia su calcetto e beach volley: si dovrà aspettare ancora. Ripartono le scommesse

Il nuovo Dpcm dal 25 via libera alle partite, anche quelle amatoriali

Con il nuovo Dcpm dell’11 giugno, il governo ha riscritto anche le regole per le funzioni religiose. Per favorire un accesso ordinato, durante il quale andrà rispettata la distanza di sicurezza pari almeno 1,5 metro, si utilizzino, ove presenti, più ingressi, eventualmente distinguendo quelli riservati all’entrata da quelli riservati all’uscita.

Durante l’entrata e l’uscita dei fedeli le porte rimangano aperte per favorire un flusso più sicuro ed evitare che porte e maniglie siano toccate.  Coloro che accedono ai luoghi di culto per le celebrazioni liturgiche sono tenuti a indossare mascherine.


 

 

Ultimo aggiornamento: 11:28 © RIPRODUZIONE RISERVATA