MIGRANTI

Migranti, il vescovo di Cefalù: «Apriamo i porti e le nostre case». È polemica sui social

Mercoledì 25 Settembre 2019
7
Migranti, il vescovo di Cefalù: «Apriamo i porti e le nostre case». È polemica sui social

Lotta all'odio, al populismo e alla paura. La speranza che verranno aperti i porti e le porte delle nostre case. È quanto si augura monsignore Giuseppe Marciante, vescovo della Diocesi di Cefalù, che invita tutti all'accoglienza per celebrare la 105esima Giornata mondiale del migrante e del rifugiato, che si terrà domenica prossima, il 29 settembre. 

LEGGI ANCHE Papa Francesco mette in guardia i cristiani: «Al denaro preferite amicizia e solidarietà»

Sulla scia delle parole già più volte sentite da Papa Francesco, la Diocesi di Cefalù chiede un modello di accoglienza fatto di segni tangibili. L'appello lanciato alle famiglie è di accogliere nelle proprie case e invitare alla propria tavola i migranti dei centri di accoglienza sul territorio. 

LEGGI ANCHE Il Papa fa salire otto bambini migranti a bordo della papamobile

«Non lasciamoci travolgere dall'odio, dal populismo e dalla paura dell'altro», aveva detto il vescovo nel suo discorso del 6 agosto, «La luce del Cristo trasfigurato faccia nascere o rafforzi in noi la mentalità dell'accoglienza e dell'integrazione, ci spinga a un forte rinnovamento interiore che ci allontani dal vedere nel fratello immigrato un peso da portare».

LEGGI ANCHE Migranti, Papa Francesco:

 


Le parole del vescovo non mettono però tutti d'accordo. Su Twitter c'è chi le commenta parlando di un «delirio», mentre altri utenti chiedono, se mai, di aprire innanzitutto le porte della sua diocesi e del Vaticano, più che delle case degli abitanti della cittadina in provincia di Palermo.

Ultimo aggiornamento: 18:45 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma, sul tram 8 l'incontro con l'assassino

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma