Palermo, parroco non lascia le chiavi al sagrestano: salta il funerale di un 33enne

Sabato 1 Febbraio 2020
1
Palermo, parroco non lascia le chiavi al sagrestano: salta funerale di 33enne morto per un malore

La sera prima del funerale del proprio figlio Davide, al quale dovevano partecipare anche alcuni disabili in carrozzella, i familiari sono stati costretti a cercare un'altra chiesa perché il prete di San Basilio, don Luciano Fricano, prima si sarebbe rifiutato di spostare di un'ora le esequie per impegni personali e poi di lasciare le chiavi al sagrestano dal momento che un altro parroco si era offerto di sostituirlo nella celebrazione, venendo incontro alla famiglia distrutta dal dolore. A raccontare all'Ansa la vicenda sono i familiari del ragazzo di 33 anni morto lo scorso 23 gennaio per un malore improvviso e che da 3 anni era costretto a stare sulla sedia a rotelle per un incidente stradale.

LEGGI ANCHE Un parroco torinese appende un cartello sulla sua chiesa: «Juden hier, qui abita un ebreo, Gesù»

La scelta della chiesa di San Basilio, in via Paruta a Palermo, era stata fatta perché non avendo barriere architettoniche avrebbe permesso agli amici di Davide, molti in sedia a rotelle e aderenti a un'associazione, di partecipare al funerale dell'amico. Il parroco, riferiscono i familiari, aveva dato disponibilità a celebrare la messa tra le 9.15 e le 9.30, opponendosi alla richiesta di poterla posticipare di un'ora per consentire ad alcuni amici e parenti, che vivono a Villafranca Sicula (Ag), di arrivare in tempo a Palermo.

«A quel punto abbiamo chiesto alla comunità agostiniana se poteva aiutarci e un parroco aveva dato la propria disponibilità a celebrare a San Basilio le esequie - racconta un'amica di famiglia - ma il prete non ha voluto sentir ragioni sull'orario. Ed è stato irremovibile anche quando il sagrestano lo ha chiamato dicendogli che poteva lasciargli le chiavi e si sarebbe occupato poi lui di chiudere la chiesa alla fine del funerale. In piena notte così parenti e amici sono stati costretti a contattare tutte le persone comunicando lo spostamento del funerale in un'altra chiesa». Le esequie sono state poi celebrate a Baida.

© RIPRODUZIONE RISERVATA