CHIARA FERRAGNI

Effetto Ferragni agli Uffizi, boom di visitatori under 25. Schmidt: «Spiace per i tuttologi»

Lunedì 20 Luglio 2020 di Laura Larcan
Effetto Ferragni agli Uffizi, boom di visitatori under 25. Schmidt: «Spiace per i tuttologi»

Dallo Scandalo al sole, allo scandalo al museo. Allora, salvate il soldato...Ferragni. La citazione sembra calzare a pennello. Perché a "salvare" Chiara Ferragni e il valzer di polemiche montate dopo il servizio fotografico della stra-famosa influencer (da milioni di follower) in posa davanti alla Venere di Botticelli nel museo fiorentino, è stato il pubblico stesso. Nessun like ad un post, ma un autentico biglietto staccato, quello delle Gallerie degli Uffizi. Gia' perché mentre infuriavano titoli mediatici, commenti intellettuali, interviste e pareri, gridando allo scandalo, il direttore degli Uffizi Eike Schmidt tira dritto e lancia l'asso.

E si gusta il suo affondo matematico togliendosi non pochi sassolini dalle scarpe: «Scandalo Ferragnez? Da noi si e' tradotto in un boom di visitatori agli Uffizi con + 27% di giovani under 25 nel fine settimana. Come a dire, traguardo raggiunto. La mission di portare sempre più giovani al museo è compiuta. Mission Impossible compiuta. Con buona pace di Tom Cruise. E senza auto-distruggere il messaggio in 5 secondi. E Schmidt si gode anche un pizzico di ironia: «mi dispiace per i tuttologi che in questo weekend ci hanno insegnato di tutto e di più ...».

LEGGI ANCHE Fedez: «Mamhood a museo egizio ok, Ferragni agli uffizi è scandalo»

Intanto loro, a Firenze, con la Venere di Botticelli in pole position, gettonatissima dai ragazzi, hanno fatto il pienone. Nel weekend infuocato di polemiche per la presenza dell'influencer, il celebre museo fiorentino incassa un concreto traguardo di ben 9312 visitatori accorsi in Galleria tra venerdì e domenica: +24% rispetto a quello precedente, quando erano stati 7.511.

«Ma non solo - aggiunge soddisfatto il direttore Eike Schmidt - oltre al dato della crescita generale, che per la prima volta dalla riapertura post lockdown testimonial indica più di 3000 persone al giorno di sabato e domenica, annotiamo com immenso piacere un vero e proprio boom di giovani in museo: da venerdì a domenica abbiamo avuto tremilaseicento tra bambini e ragazzi fino a 25 anni. Nel weekend passato erano stati 2.839: dunque, stavolta sono venuti a trovarci 761 ragazzi in più, con un aumento del 27».

LEGGI ANCHE Chiara Ferragni, Fedez risponde alle critiche dopo la visita al museo: «Allora ditelo che ce l'avete con lei»

«In questo fine settimana abbiamo visto, letto e sentito un sacco di tuttologi che ci hanno insegnato di tutto e di più. Alla luce di questi numeri - scherza Schmidt - posso solo dire che mi dispiace per loro ..». E sì che di polemiche se ne erano scatenate tantissime. Su ogni fronte. Con addetti ai lavori che si sono persi o aperti blog per dire la loro sul fenomeno. Tra detrattori implacabili e chi benediceva l'influencer davanti a Botticelli (ma non dimentichiamo che i Ferragnez in questa estate Covid sono andati anche ai Musei Vaticani...)

A dare il carico da mille ci ha pensato anche il cantautore Mahmood, girando il video del suo ultimo successo al Museo Egizio di Torino con tanto di post ricordo insieme al direttore Christian Greco che gli ha fatto da cicerone. Ancora scandali? Più pacati nel suo caso. Tanto che lo stesso Fedez si è sfogato via Twitter: «Mahmood al Museo Egizio a girare il video (bellissimo tra l'altro) tutto Ok, Ferragni agli Uffizi è scandalo. Allora dite semplicemente che vi sta sui coglioni...»
 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche
caricamento