Carabinieri, il 15 marzo la scadenza per partecipare al concorso per allievi marescialli

foto
Venerdì 5 Marzo 2021, 18:55

Aperti fino al 15 marzo i termini per la presentazione delle domande d'ammissione all’11° corso triennale Allievi Marescialli dei carabinieri. I dati relativi alle domande finora pervenute dimostrano un trend in forte incremento (+45%) rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, con 13.506 domande presentate online sul portale www.carabinieri.it.

Otto nuovi incursori del Comsubin entrano a far parte delle Forze Speciali della Marina Militare

Anche gli altri due concorsi indetti nell’ultimo periodo (termini scaduti), quello per l'ammissione al 203° Corso dell'Accademia per la formazione di base degli Ufficiali e quello per il 140° corso Allievi Carabinieri, hanno fatto registrare dati incoraggianti: 7.485 domande ricevute nel primo caso e 42.694 nel secondo, con un incremento rispettivamente del 22,5% e del 14,8% rispetto allo scorso anno.

Concorsi al Comune di Cassino, aspiranti anche dall’estero

I requisiti

Possono partecipare al concorso tutti i cittadini italiani tra i 17 e i 25 anni compiuti in possesso di un diploma di istruzione secondaria di 2° grado (o che siano in grado di conseguirlo al termine dell’anno scolastico 2020-2021), nel pieno godimento dei diritti civili e politici, non condannati o imputati per delitti non colposi. Lo svolgimento del concorso prevede l’effettuazione di una prova preliminare, prove di efficienza fisica, una prova scritta di italiano, accertamenti psico-fisici e attitudinali e una prova orale. I vincitori del concorso fraquenteranno un corso a impostazione universitaria della durata di 3 anni, al termine del quale, oltre al grado di Maresciallo, conseguiranno la laurea in “Scienze Giuridiche della Sicurezza”.

Statali, concorsi pubblici: pronta la riforma che taglia i tempi e premia i migliori

La formazione

Nella recente cerimonia di avvicendamento nell’incarico di comandante delle Scuole dell’Arma - presso la Legione Allievi Carabinieri di Roma - il Comandante Generale Teo Luzi ha sottolineato l'importanza dell’organizzazione addestrativa, che ha la funzione di fornire competenze al personale reclutato, ma soprattutto di trasmettere ai giovani Carabinieri i valori dell’Arma. Alla fine del triennio di formazione presso la Scuola Marescialli e Brigadieri, con sede in Firenze, i vincitori che vestiranno i panni di Marescialli del ruolo Ispettori dell’Arma dei Carabinieri, oltre ad avere compiti di carattere militare svolgeranno funzioni di sicurezza pubblica e di polizia giudiziaria.

8 Marzo con le stellette: vent'anni in prima linea per le donne soldato

Le competenze

I vincitori del concorso potranno sostituire i diretti superiori gerarchici in caso di assenza o di impedimento e, dopo aver maturato alcuni anni di esperienza, potranno essere preposti al Comando di Stazioni Carabinieri, di unità operative o addestrative, nonché assumere la direzione di uffici o funzioni di coordinamento di più unità operative, con piena responsabilità per l'attività svolta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA