«Mettete le mascherine», ragazzina prende a calci in faccia l'assessore sul treno e poi scappa con l'amico

La vittima si chiama Giovanna Damonte 'colpevole' di aver chiesto ai due di mettersi la mascherina sul naso come dettano le regole anticontagio

«Mettete le mascherine», ragazzina prende a calci in faccia l'assessore sul treno e poi scappa con l'amico
3 Minuti di Lettura
Martedì 30 Novembre 2021, 17:02 - Ultimo aggiornamento: 17:07

​«Mettete le mascherine», e per tutta risposta una ragazzina ha preso a calci in faccia l'assessore sul treno e poi è scappata con l'amico. Accade che sul treno regionale che porta pendolari e studenti da Arenzano a Genova un'assessore comunale di Arenzano, dipendente della Regione Liguria, inviti due ragazzi senza mascherina a mettersela sul naso. E accade che, mentre il ragazzo ammette candidamente di «non averla nemmeno in tasca» e accetta quella che gli offre la signora, ringraziando, la ragazzina - 18 anni, forse meno - reagisca prima offendendo la donna poi colpendola a schiaffi e pugni. Infine, non contenta, la ragazzetta sale su un seggiolino e tira alcuni calci in testa e in faccia alla donna che s'accascia, subito soccorsa dagli astanti.

Discoteca abusiva nel bar, in 200 a ballare senza mascherine. I vigili filmano tutto: multe da 400 euro

Damiano Bologna, morto il 50enne picchiato perché aveva difeso l'amica da uno stalker

I calci e poi la fuga

Capita anche che i due ragazzini se la diano a gambe appena il treno si ferma. È successo a Genova, e la vittima si chiama Giovanna Damonte e, 'colpevole' di aver chiesto ai due di mettersi la mascherina sul naso, così come dettano le regole anticontagio, ci ha rimediato un occhio nero e 20 giorni di prognosi. Secondo quanto appreso, Damonte ha sporto querela ed è in attesa che la Polfer, già al lavoro, identifichi la coppia scappata a gambe levate dopo il pestaggio. Trasversale e immediata la solidarietà. Il governatore ligure Giovanni Toti l'ha definito «un episodio di violenza inaccettabile e da condannare fermamente. Quando capiremo che il nemico da combattere è il Covid sarà sempre troppo tardi».

Analoghi sentimenti di condanna sono stati espressi da Raffaella Paita (Iv) che sottolinea: «La violenza e imbarbarimento che caratterizza ormai i vari fenomeni di opposizione provocati dall'applicazione delle norme contro il Covid lasciano sgomenti. Si tratta di una deriva che deve essere arrestata al più presto» mentre Il Pd parla di «un atto di violenza ingiustificato, ingiustificabile e vergognoso». Anche il Consiglio regionale ha voluto offrire la propria solidarietà a Damonte «che ha compiuto un atto civico a tutela della salute della comunità e della legge» Assoutenti, infine, chiede che, così come agli stadi, si disponga il daspo sui mezzi pubblici come treni e bus anche nei confronti degli aggressori dell'assessora Damonte, e di tutti coloro che non rispettano le norme sul Covid, a partire da quella sull'uso della mascherina.

© RIPRODUZIONE RISERVATA