Cagliari, bagnante di 55 anni ha un malore e muore in spiaggia: è il quarto in 24 ore

Cagliari, bagnante di 55 anni ha un malore e muore in spiaggia: è il quarto in 24 ore in Sardegna
3 Minuti di Lettura
Sabato 26 Giugno 2021, 12:55 - Ultimo aggiornamento: 19:22

Giornate al mare o ai laghi che diventano tragedie. Anche oggi in Sardegna il dramma di un sessantacinquenne che entra in acqua al Poetto di Cagliari e poi si accascia per un malore. Una morte che si somma alle tre vittime di ieri tra Marina di Arbus (medio Campidano) e Pula (città Metropolitana di Cagliari). Paura e angoscia anche al lago di Bracciano per un ragazzo di 22 anni che si è tuffato in acqua ma non è più tornato a riva. Le ricerche sono ancora in corso.

In Sardegna il conto delle croci in spiaggia è arrivato a quattro in 24 ore. Questa mattina un aficionado del Poetto, Marco Frongia,, originario di Telti (Sassari), è entrato in acqua. Poche bracciate, secondo quanto hanno raccontato alcuni testimoni, e si è sentito male. Subito è stato soccorso dai vicini di asciugamano e ombrellone e dai sanitari del 118. Non c'è stato niente da fare: l'uomo è morto in spiaggia davanti al mare che amava. Al chiosco sull'arenile lo conoscevano in tanti: tutti increduli di fronte alla tragedia.

Video

Non c'è un filo conduttore per queste morti a catena. Ieri a Marina di Arbus probabilmente vento e mare mosso hanno fatto la loro parte: un papà 60enne, Fernando Porcu, di Villamar, si è tuffato in acqua quando ha visto che la dodicenne era in difficoltà tra le onde insieme alle sue amiche. Ed è crollato anche lui, nel generoso tentativo di salvare le ragazzine, poi portate a riva senza conseguenze anche da altri bagnanti. Il papà però non ce l'ha fatta, forse tradito dallo spavento e dallo sforzo. Un'altra storia tra eroismo e tragedia poche ore dopo nel sud dell'isola, a Pula. Un infarto non ha lasciato scampo a un bagnante di 72 anni, Gianni Fanais, stroncato da un malore mentre tentava di rianimare un amico di 87 anni, Roberto Mudu. Non ce l'hanno fatta né il soccorritore, né l'anziano conoscente morto invece per annegamento. Intanto ore di angoscia al lago di Bracciano, vicino a Roma. Un turista olandese di 22 anni si è immerso in acqua. E poi non è più tornato a riva. I carabinieri sono impegnati nelle ricerche del giovane sparito all'altezza della spiaggia adiacente il «Parco del lago». A dare l'allarme al 112 è stato un connazionale di 34 anni con cui il giovane stava condividendo il viaggio. I turisti si erano accampati in tenda dalla serata di giovedì e ieri mattina, il più giovane ha detto all'amico che avrebbe fatto una nuotata in direzione di Trevignano Romano. da allora è sparito. Una donna di 79 anni è stata rianimata e salvata grazie alla rapidità dei soccorsi sulla spiaggia di Marina di Grosseto dopo che ha accusato un malore uscendo dal mare. Le è stato praticato un massaggio cardiaco e applicato il defibrillatore presente nella postazione del bagnino. È stata poi trasferita in codice 3 all'ospedale Misericordia di Grosseto dove è ricoverata in prognosi riservata.

© RIPRODUZIONE RISERVATA