Bimbo undicenne segregato in casa: il pm chiede 12 anni per i genitori e la zia

Giovedì 28 Maggio 2020

I pm della Procura di Tempio Pausania, Luciano Tarditi e Laura Bassani, hanno chiesto una condanna a 12 anni di carcere per i genitori e la zia del bambino di 11 anni segregato e maltrattato nella villetta di famiglia ad Arzachena, in Costa Smeralda. Il bimbo era stato liberato la scorsa estate dai carabinieri del Reparto territoriale di Olbia, dopo che il piccolo aveva chiesto aiuto per telefono ai militari.

Bambino segregato in casa: dopo i genitori arrestata anche la zia in Costa Smeralda

Gli investigatori avevano così scoperto una realtà agghiacciante: il bambino era sottoposto a torture fisiche e psicologiche, descritte dettagliatamente nel diario segreto che il piccolo nascondeva in camera. Le punizioni sistematiche consistevano nella segregazione in camera per ore, al buio, senza il materasso, e con un secchio per fare i bisogni. Il piccolo veniva anche picchiato e gli venivano fatte ascoltare delle voci preregistrate per spaventarlo. I genitori erano stati subito arrestati, mentre la zia era finita in carcere alla fine dello scorso anno.

I tre imputati, difesi dagli avvocati Marzio Altana e Alberto Sechi e Angelo Merlini, hanno ammesso le loro colpe e si trovano agli arresti domiciliari. Il processo è stato aggiornato al 15 giugno per le arringhe della difesa, poi il 22 le repliche e molto probabilmente anche la sentenza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA