Bimbo ucciso a Napoli, accusa di omicidio volontario per il compagno della madre

Domenica 27 Gennaio 2019 di Marco Di Caterino
Bimbo ucciso a Napoli, accusa di omicidio volontario per il compagno della madre

Tony Essoubti Badre, 24 anni, dalla scorsa notte è formalmente indiziato di omicidio volontario e tentativo di omicidio. Secondo gli investigatori della Procura di Napoli Nord (Aversa) lui avrebbe picchiato, fino ad uccidere, nella giornata di domenica a Cardito (Napoli), il figlio di 7 anni della sua compagna e ferito gravemente la sorellina della vittima, appena più grande di un anno. Il fermo è scattato al termine di un lungo interrogatorio, andato avanti per ore negli uffici del commissariato di polizia ad Afragola. 

LEGGI ANCHE Chi è Tony, italo-tunisino fermato per l'omicidio. I vicini: «È un bravo ragazzo»

L'uomo ha detto che i due bambini erano caduti dalle scale. Prima di lui è stata ascoltata la mamma dei bimbi. La violenza è avvenuta all'interno di un modesto appartamento di un vecchio stabile del centro storico, non lontano dal palazzo comunale. Tony è un figlio di un cittadino marocchino e di una donna del posto, ed ha sempre vissuto in zona, svolgendo l'attività di ambulante. Da qualche anno aveva un relazione sentimentale con la donna, proveniente dalla Penisola Sorrentina, più grande di lui di sei anni. 
 


Gli investigatori ora lavorano per accertare cosa abbia scatenato la violenza cieca dell'uomo e se era possibile fermarlo. L'unica certezza, in attesa dei previsti esami medico-legale, è che il piccolo di 7 anni è stato colpito duramente come la sua sorellina, tuttora ricoverata all'ospedale pediatrico «Santobono» di Napoli tanto da spingere Vincenzo Tipo, primario del pronto soccorso a dire: «Lavoro in pronto soccorso pediatrico da trent'anni, pensavo di averle viste tutte ma quello che ho visto ieri è la scena più raccapricciante a cui ho mai assistito». Lei è ricoverata in una stanza singola e non sa che suo fratello è morto. Medici ed infermieri fanno a gara per mostrarle vicinanza. Illesa una terza sorellina, di appena 4 anni. «La nostra attenzione sarà riservata a questi due bimbi - ha detto il sindaco di Cardito, Giuseppe Cirillo - non li lasceremo soli. Da oggi tutta la comunità di Cardito sarà la loro famiglia».

E nel giorno del funerale del piccolo (la data non è stata ancora fissata) sarà proclamato il lutto cittadino. L'appartamento dove è avvenuta la tragedia è dall'altra notte sotto sequestro. Vuol dire che gli investigatori, coordinati dal sostituto procuratore Paola Izzo, dovranno tornare in quella casa per gli ulteriori rilievi. Intanto, dinanzi all'ingresso del palazzo dove abitava il piccolo nella mattinata di oggi qualcuno ha riposto un fascio di fiori. Sul balcone ci sono ancora una piccola bicicletta un passeggino e la biancheria stesa. I vicini di casa si affrettano a dire che se avessero notato qualcosa di strano sarebbero intervenuti subito: «I bambini sono tutti figli nostri e se avessimo visto qualcosa saremmo intervenuti».

Ultimo aggiornamento: 29 Gennaio, 07:54 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Con la febbre in aeroporto non si finisce in quarantena

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma